FERRUTENSIL OTTOBRE 2023

OTTOBRE 2023 - anno 37 - n°8 DOSSIER SOSTENIBILITÀ La ferramenta è green? Diverse best practice, ma manca una strategia INTERVISTA Würth, il futuro del retail B2B: dallo store fisico al marketplace RIVENDITORE Asso Chiave, tra restyling e servizio per continuare a crescere DISTRIBUTORI Hoffmann Italia celebra i suoi primi 20 anni e punta a 100 mln di euro Il MagazI ne per l’ute nsIlerIa e la ferraMe nta specIalIzzata ferrutensil.com

ANELLI SALDATI SU MISURA Realizziamo saldature su seghe a nastro per anelli, in diversi sviluppi e misure, grazie al nostro personale interno specializzato utilizzando materiali di alta qualità Westerman. MARCATURA SALDATURA CONFEZIONAMENTO Oltre 3800 codici in pronta consegna da magazzino. A CIASCUNO IL SUO ANELLO

starrett.it VENDITE@STARRETT.IT tel:+39 339 1205544 SEGA BIMETALLICA A TAGLIO UNIFORME PER ELETTROUTENSILI A BATTERIA • Ideale per il taglio di lamiere in acciaio inossidabile, utensili e acciaio dolce, legno e plastica sottile • L’arresto di sicurezza alla base della sega a tazza (svasata) impedisce alla sega di superare la sua profondità di 13 mm • Gruppo completo - alberino, punte pilota e molla di espulsione inclusi • Il passo costante dei denti consente dei tagli incredibilmente uniformi Passo di 8 denti per 25 mm • Profondità di taglio consigliata 3 mm LA SEGA A TAZZA PREFERITA DAGLI ELETTRICISTI Disponibile in kit da 3 e 6 pezzi

FERRUTENSIL 3 SOMMARIO 22 32 26 ECOMMERCE Cosa sta succedendo nella distribuzione specializzata online? Ne abbiamo parlato con i protagonisti delle piattaforme più interessanti presenti in Italia. 48 RIVENDITORE Asso Chiave: un’azienda verticale nel segmento sicurezza con due punti vendita innovativi, leader nel territorio con una quota di mercato del 90% e una forte partnership di filiera lunga. 36 4 Editoriale 8 News Attualità 22 INTERVISTA Axel group in piena fase di rinnovamento di Alessandra Fraschini 26 DOSSIER SOSTENIBILITÀ La ferramenta è green? Diverse best practice, ma manca una strategia di Alessandra Fraschini 32 OMNICANALITÀ Würth, il futuro del retail B2B: dallo store fisico al marketplace di Valeria Lodesani 36 RIVENDITORE Asso Chiave, tra restyling e servizio per continuare a crescere di Alessandra Fraschini 42 DALLE AZIENDE Beta: Ricerca&Sviluppo la vera “chiave” del successo di Claudia Perolari 44 DISTRIBUTORI Hoffmann Italia celebra i suoi primi 20 anni e punta a 100 mln di euro entro il 2027 di Alessandra Fraschini 48 ECOMMERCE Quale evoluzione per i marketplace nel fai da te? di Valeria Lodesani 54 EVENTI A.P.Fer Expo 2023: un successo l’undicesima edizione di Claudia Perolari 56 RICERCHE Business Intelligence: l'ascesa dell'ecommerce nel diy italiano di Raffaella Pozzetti 66 INTERVISTA Kasanova: vi spiego perché siamo realmente omnichannel di Raffaella Pozzetti DALLE AZIENDE 70 Fermec, l’eccellenza come scelta aziendale 71 Rica Lewis Workwear, novità autunno/inverno 2023 72 ZLF Imach3 Magnum di IMA Abrasivi, il lamellare con elevate performance 73 Martello perforatore CT18216V BMC Crown Professional 74 Le soluzioni a led outdoor per un risparmio più efficace e consapevole 76 Le fragranze Respira oggi anche in formato tealight 77 Colorpack: evoluzione di un successo italiano 78 Seghe a nastro a batteria di Einhell, comode e versatili 79 Crystal Box, la rivoluzionaria linea di cassettiere modulari Mobil Plastic a cura di Claudia Perolari 80 Dalle aziende...in breve 87 Fiere 90 Prodotti & Novità 96 Offerte di lavoro a cura di Claudia Perolari DOSSIER Con l’ingresso di un nuovo direttore commerciale e di un nuovo affiliato dalla Sardegna, Axel Group entra con determinazione in una nuova fase di evoluzione. Utilizza il QR Code per sfogliare online Ferrutensil su tablet o smartphone o vai su ferrutensil.com/rivista OMNICANALITÀ La sinergia tra il mondo online e offline risulta fondamentale per lo sviluppo del mercato retail B2B nell’esperienza di Würth, un gruppo che è passato da 12 mld nel 2017 a 20 mld € nel 2022. DOSSIER SOSTENIBILITÀ Quali attività a tutela dell’ambiente e della sostenibilità sono già presenti o si stanno affermando nella distribuzione ferramenta?

FERRUTENSIL 4 EDITORIALE MASSIMO CASOLARO direttore esecutivo e responsabile massimo.casolaro@epesrl.it La ferramenta è green? E' la domanda che abbiamo posto a un campione di rivenditori del settore per indagare sullo stato della transizione ecologica nel nostro canale di vendita (a pag. 26). La risposta si potrebbe sintetizzare con: vorrebbe esserlo e si sforza di esserlo con le risorse e le conoscenze di cui dispone, ma per adottare una strategia complessiva di riduzione di impatto ambientale serve uno sforzo coordinato a livello di filiera che al momento non c'è. Insomma, il rivenditore tradizionale di ferramenta ha bisogno di essere aiutato, il suo ruolo - fondamentale - è quello di veicolare al cliente l'importanza di un consumo consapevole, ma a monte ci deve essere chiarezza e trasparenza nella comunicazione dei criteri di progettazione, produzione e commercializzazione dei prodotti, altrimenti si rischia solo di confondere l'utilizzatore, di per sé piuttosto diffidente sull'argomento nel nostro settore, specialmente quello professionale. Le ferramenta stanno lavorando sull'efficientamento delle loro strutture di vendita, sul risparmio energetico e di risorse, sul riciclo dei rifiuti, ma poco possono fare se la maggior parte dei prodotti arriva in negozio dentro ingombranti confezioni di plastica... Certo, i top brand sono più attenti, ma il rivenditore deve allestire un assortimento che copre tutte le fasce di prezzo e per questo anche grossisti e distributori che propongono articoli a marchio proprio o d'importazione dovrebbero selezionarli con criteri più severi in ottica di riduzione dell'impatto ambientale. Si è chiusa venerdì 29 settembre la 15a edizione di Bricoday Expo &Forum, il principale evento espositivo e convegnistico per la filiera distributiva del bricolage e della ferramenta. È stata un’altra edizione record grazie a una crescita significativa di espositori e ancor più di visitatori, con una componente elevatissima di compratori della distribuzione. Gli espositori sono stati 390, in crescita dell’11,5% sul 2022, su una superficie complessiva che ha raggiunto i 20.000 mq grazie ai nuovi spazi ricavati nel padiglione 4 per la sala convegni e per l’iniziativa Digital Village. In esposizione tutti i mondi del Brico, della Casa, del Garden e del Tecnico con tanti brand leader del settore, tutte le insegne del bricolage che fanno affiliazione e, novità di quest’anno, i principali marketplace web che operano nel comparto nonché diverse società del mondo digitale. Sul fronte visitatori, in considerazione della forte crescita registrata nelle ultime due edizioni (+15% nel 2021, +16% nel 2022) era lecito aspettarsi una stabilizzazione delle presenze, anche per la natura B2B dell’evento che attira un pubblico di soli addetti ai lavori attivi in uno specifico settore. Invece, contro le attese, la partecipazione è cresciuta di un altro 15%, raggiungendo nelle due giornate della manifestazione i 9.000 accessi (8.964 per l’esattezza). Quanto alle iniziative collaterali, l’highlight di questa edizione è stata Bricoday Digital Village, un’area immersiva dedicata all’evoluzione digitale ed ecommerce nel comparto brico e ferramenta. L’evento, organizzato in collaborazione con OPMF, ha occupato un’ampia area del padiglione 4. L’iniziativa ha raccolto consensi e confermato la validità del format a cui hanno partecipato player di primo piano del nostro mercato come Leroy Merlin, Würth, ManoMano, BricoBravo, eBay, solo per fare alcuni nomi. Il progetto sarà riproposto nel 2024 e ulteriormente rafforzato grazie allo spostamento nel padiglione 3, quello dell’esposizione Bricoday, così da sottolineare con forza che la digitalizzazione deve essere messa al centro di ogni strategia presente e futura della distribuzione. A partire da questo numero e per i prossimi mesi approfondiremo in modo ragionato i temi trattati nel convegno: iniziamo con l'intervento di Würth in cui il retailer professionale annuncia una svolta nella sua strategia omnicanale, con l'apertura della sua piattaforma web a venditori esterni (a pag. 32) e con la tavola rotonda che ha coinvolto i maggiori marketplace specializzati nelle nostre merceologie (a pag. 48).

Poche chiacchiere, il tuo è un lavoro duro. Per questo ti aiutiamo a tenerlo in pugno con le smerigliatrici angolari ottimizzate ergonomicamente che si adattano perfettamente a te e alle tue esigenze. Questa è la qualità duratura garantita ai proformer, direttamente dagli inventori del 昀essibile originale. Scopri di più su www.昀ex-tools.com Non sei solo un professionista, sei un proformer. Con la solidità delle smerigliatrici angolari ergonomiche FLEX. this is proformance

ABC Tools II Cop. Ambro-Sol Pag. 35 Ambrovit Pag. 7 Bassoli Pag. 25 Beta Tools Pag. 9 Bot Lighting Pag. 39 Colorpack Pag. 63 DAC Pag. 17 Evoluzione Brico Pag. 19 Fermec III Cop. Flex Pag. 5 Gimap Pag. 13 I.O.I. Pagg. 20-21 Iseo Pag. 29 Kemper Pag. 69 Lampa Pag. 31 Machieraldo Pag. 65 Mustad I Cop. R.E.I.T. Pagg. 11-15 Rica Lewis IV Cop. Saratoga Pag. 1 Selfit Pag. 59 Starrett Pag. 2 Tolsen Pag. 53 Ullmann Pag. 16 Vinco Pag. 61 Worik Pag. 41 Zippo Pag. 47 INSERZIONISTI COLOFON Ferrutensil è edito da EPE Edizioni S.r.l. Redazione: 20142 Milano - Via Spezia, 33 - Tel. 02.89.50.18.30 Mail: info@ferrutensil.com - Web: www.ferrutensil.com Direttore responsabile/editoriale: Massimo Casolaro (massimo.casolaro@epesrl.it) Redazione: Claudia Perolari (claudia.perolari@epesrl.it) Sara Cavallini (sara.cavallini@epesrl.it) Segretaria di redazione: Silvia Mariani (silvia.mariani@epesrl.it) Hanno collaborato: Isabella Benaco, Adriana Colombo, Alessandra Fraschini, Vittorio Lai, Valeria Lodesani, Giulia Piccinelli, Raffaella Pozzetti, Anna Rucci Ufficio Grafico: Claudia Bellelli (claudia.bellelli@epesrl.it) Abbonamento Italia: 1 anno (9 numeri): euro 15 Per le modalità di sottoscrizione contattare l’ufficio abbonamenti: tel. 02.89.50.18.30 - silvia.mariani@epesrl.it. Stampa: Roto3 - Castano Primo (MI) Periodico iscritto al ROC (registro degli operatori della comunicazione) n° 3231 in data 30/11/2001. Autorizzazione Tribunale di Milano n° 809 del 25/11/2004 Pubblicità: EPE srl - 20142 Milano - Via Spezia, 33 - Tel 02.89.50.18.30 Direttore Commerciale: Maurizio Casolaro (maurizio.casolaro@epesrl.it) Testata volontariamente sottoposta a certificazione di tiratura e diffusione in conformità al Regolamento CSST Certificazione Editoria Specializzata e Tecnica Per il periodo 1/1/2022-31/12/2022 Tiratura media: 9.161 copie Diffusione media: 9.014 copie Certificato C.S.S.T. n° 2022-6584 del 20/2/2023 Società di revisione: BDO Italia La stampa tecnica e specializzata è il mezzo più sicuro ed affidabile per raggiungere target mirati e selezionati di operatori di settore e professionisti. Quando pianificate il vostro investimento e scegliete a quali riviste affidare il vostro messaggio pubblicitario, puntate su testate certificate CSST. Avrete la sicurezza e la garanzia di disporre di dati certi sulla tiratura e sulla diffusione, autenticati con metodologia internazionale. Avrete la certezza di operare scelte corrette e di investire nel modo migliore il vostro denaro, affidandovi ad Editori che lavorano all'insegna della trasparenza. A.N.E.S. - Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata Via Pantano, 2 - 20122 Milano Tel. 02.8057777 - Fax 02.8054815 www.anes.it - e.mail: anes@anes.it NUOVA CERTIFICAZIONE 2023 Tiratura media: 9.161 copie Diffusione media: 9.014 copie

LA VISIONE DI CHI GUARDA SEMPRE PIÙ LONTANO Allineando tutti i prodotti presenti nel nostro vasto magazzino, riusciamo a compiere il giro della luna, due volte. Per questo siamo in grado di spingerci sempre più lontano da casa raggiungendo più dì 50 paesi nel mondo. NONSIAMONUMERI.IT NEWS AMBROVIT PRESENTA PROXIMA IL MAGAZZINO “ECOSOSTENIBILE” Scopri di più su... ambrovit.it/x2

FERRUTENSIL 8 Vincenzo Zicaro è direttore generale di Sipafer Sipafer Spa, tra i principali distributori italiani di settore e tra le aziende più importanti della provincia di Messina, ha annunciato la collaborazione con Vincenzo Zicaro, che a partire dal mese di settembre ha assunto il ruolo di direttore generale. Questa nuova ed importante figura affiancherà la proprietà per portare a termine il progetto di ristrutturazione aziendale già in corso, progetto che lo stesso fondatore e amministratore delegato, Silvio Passalacqua, ha fortemente voluto e che guiderà attivamente fino alla sua realizzazione. Laureato in Economia aziendale, Zicaro ha ricoperto numerosi incarichi commerciali all’interno di aziende multinazionali come Ferrero e StanleyBlack&Decker assumendo al suo interno posizioni di sempre maggiore prestigio fino a ricoprire, in quest’ultima, l’incarico di general manager Italia. “La presenza di un manager di alto livello come Vincenzo Zicaro, coadiuvato da tutte le figure aziendali, darà a Sipafer l’opportunità di continuare ad esprimere al meglio il proprio potenziale, di cogliere le sfide di un mercato sempre più competitivo e di proiettare l’azienda nel futuro”. Sipafer ha chiuso il 2022 con un fatturato di circa 42.000.000 euro. Lo stesso anno l’azienda ha ricevuto il premio Cribis Prime Company, assegnato solo al 6% delle compagnie italiane e rilasciato solo ed esclusivamente ad aziende che mantengono costantemente un’elevata affidabilità economico-commerciale e sono virtuose nei pagamenti verso i fornitori. La conformità delle saldatrici alle direttive UE di prodotto Prima dell’immissione di un prodotto sul mercato UE, il fabbricante deve considerare qualsiasi Direttiva e Regolamento applicabili al prodotto stesso. I fabbricanti di saldatrici Anasta - associazione nazionale aziende saldatura taglio e tecniche affini - hanno risposto a questa esigenza applicando ai loro prodotti la direttiva bassa tensione, la direttiva sulla compatibilità elettromagnetica e la direttiva RoHS con le relative norme armonizzate. L’analisi dei rischi che presentano i prodotti è stata quindi condotta sulla base legale offerta da queste disposizioni con la conclusione del processo, evidenziata e comunicata al mercato con la dichiarazione di conformità del prodotto e la marcatura CE. L’applicazione della medesima consente di immettere sul mercato un prodotto sicuro, anche dal punto di vista meccanico, e che si presume conforme alle disposizioni UE. Ricordiamo che la presunzione legale di conformità di cui gode il prodotto marcato CE consente di ritenerlo idoneo alla libera circolazione sul mercato UE. La direttiva bassa tensione, con le relative norme armonizzate, è quindi del tutto sufficiente per assicurare l’immissione sul mercato di prodotti sicuri dal punto di vista della sicurezza prodotto e prevenzione dei danni alle persone. www.anima.it Lo sconto in fattura sugli infissi (al 75%) è ancora possibile Con il bonus abbattimento barriere architettoniche è possibile oggi (e fino alla fine del 2025) offrire ai clienti uno sconto in fattura fino al 75% dell’importo. Infatti, la legge n. 234/2021 (legge di bilancio 2022) ha introdotto una nuova agevolazione, per la realizzazione di interventi finalizzati al superamento e all’eliminazione delle barriere architettoniche in edifici già esistenti. Consiste in una detrazione d’imposta del 75% delle spese documentate sostenute nel periodo tra il 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2025 e va ripartita tra gli aventi diritto in 5 quote annuali di pari importo. I contribuenti, che sostengono le spese, possono optare, in luogo di utilizzo della detrazione spettante, di un contributo sotto forma di sconto in fattura sul corrispettivo dovuto pari alla detrazione spettante. Per poter ottenere il bonus è necessario scegliere serramenti in linea con i parametri tecnici previsti dalla legge per la rimozione di barriere architettoniche, attestati da un professionista abilitato. Non è necessaria la presenza di una persona con disabilità nell’immobile (come dice anche la circolare n. 7 2021 dell’agenzia delle Entrate), ma gli interventi devono rispettare i requisiti previsti dal decreto del Ministro dei lavori pubblici n. 236 del 14 giugno 1989. NEWS ATTUALITÀ SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

PROMOZIONE SPECIALE Valida fino al 29/02/2024 ACQUISTA INCLUSA PER TE 7352G 7372B 7356G 7354N SCOPRI LA PROMOZIONE Rivolgiti al tuo rivenditore di fiducia! www.beta-tools.com un paio di scarpe da lavoro tra i 4 modelli proposti la serie di giravite Special edition RIPARTI CON IL PIEDE GIUSTO!

NEWS ATTUALITÀ La rivendita milanese Gini entra in Made Distribuzione La compagine di Made Distribuzione oggi comprende cinque aziende: CMV, Cosso, Garavaglia, Pennati e Gini. Gini è un punto vendita storico, il più “vecchio” di Milano, in quanto nato nel 1907 nel cuore del quartiere Affori, con il capostipite Felice Gini che iniziò la sua attività con la produzione di manufatti in cemento e di piastrelle, per poi trasformarsi in un’azienda commerciale. In breve tempo l’offerta si ampliò con la vendita di calce, cemento e laterizi e nel 1923 l’azienda, con il ritiro del fratello, proseguì sotto la guida di Felice Gini che ne rimarrà a capo per una cinquantina d’anni affiancato dal figlio e dal nipote. Quest’ultimo, in collaborazione con Marco Farina, entrato in azienda nel 1985, darà un impulso dinamico e moderno all’attività. Ultima novità, è stata la realizzazione, nel febbraio 2016, dello showroom dedicato al mondo delle finiture: un laboratorio qualificato in cui il design si unisce alle soluzioni tecniche di ultima generazione, dalle ceramiche all’arredo bagno, dai serramenti al colore con due tintometri, puntando su un settore molto dinamico e in continua crescita, con in più il vantaggio di condividere lo spirito innovativo di Made Distribuzione e presentare quindi un’offerta ancora più prestigiosa e completa al mercato. La rivendita opera principalmente nel settore della ristrutturazione, con un’offerta di materiali e soluzioni per l’edilizia altamente qualificati, per soddisfare la richiesta di un mercato particolarmente esigente come è quello della capitale lombarda. Tappi per le orecchie difettosi: la multinazionale Usa 3M dovrà pagare 6 miliardi di risarcimento Sei miliardi di dollari. Questa la somma che la multinazionale Usa 3M dovrà pagare per chiudere tutti i contenziosi legali con i veterani dell’esercito statunitense, che sostengono di aver perso l’udito a causa di tappi per le orecchie prodotti dalla compagnia. Come spiega il Washington Post, l’accordo risolve circa 300mila richieste di risarcimento avanzate da attuali ed ex membri delle forze armate, i quali affermano che i tappi per le orecchie di 3M erano difettosi e non sono riusciti a proteggerli mentre erano in servizio, causando loro la perdita dell’udito o l’acufene. Il pagamento risolve uno dei più grandi illeciti di massa nella storia degli Stati Uniti. La multinazionale 3M è arrivata all’accordo senza mai ammettere le proprie responsabilità. Anzi, l’azienda ha sempre sostenuto di produrre “tappi sicuri ed efficaci se usati correttamente”, dicendosi pronta a continuare a difendersi “se determinati termini dell’accordo transattivo non vengono rispettati”. Il caso ha avuto inizio nel 2016, con la prima causa intentata da un informatore per conto del governo degli Stati Uniti, in cui si sosteneva che il produttore sapeva che i suoi tappi per le orecchie, chiamati CAEv2, non funzionavano in modo così sicuro come affermava. L’esercito americano ha acquistato i tappi per le orecchie dal 2003 al 2015, e nel 2008 3M ha acquisito la società che produceva il prodotto. Nel frattempo, l’accordo raggiunto ha fatto volare le azioni della 3M, che hanno registrato un +5,2% dopo le anticipazioni pubblicate dal Wall Street Journal e su Bloomberg News. Deodato festeggia con i clienti storici e guarda al futuro Rafforzare ulteriormente i rapporti con i propri clienti storici, nonché celebrare insieme i risultati ottenuti ad oggi: con questi obiettivi Deodato Srl ha offerto ai propri migliori clienti un weekend di festeggiamento (1-3 settembre) in un villaggio vacanze nella provincia di Lecce: “Questo premio – raccontano Stefano e Mirko Deodato, titolari dell’azienda – è il risultato tangibile dell’impegno incessante, della costanza e della dedizione straordinaria del nostro team, che non solo ha raggiunto, ma in alcuni casi ha anche superato, gli ambiziosi obiettivi di fatturato prefissati”. Attraverso il weekend di vacanza Deodato ha voluto quindi ringraziare e festeggiare insieme agli oltre 300 clienti fidelizzati, ovvero a quanti hanno reso possibile la crescita dell’azienda, permettendole di realizzare costantemente buone performance economiche, che proseguono da 50 anni. In questo senso, il Gruppo guarda al futuro con ottimismo e con voglia di fare. Fra i progetti più interessanti in via di realizzazione, segnaliamo per esempio il prossimo sviluppo della piattaforma logistica, che si amplierà di altri 15.000 mq: “La nuova struttura aprirà sempre nella storica sede di Bari e sarà al servizio sia dei nostri punti vendita brico sia della vendita all’ingrosso”. FERRUTENSIL 10 SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

FERRUTENSIL 12 NEWS ATTUALITÀ Cristian Bonacini nuovo direttore commerciale di A.Capaldo SpA La A.Capaldo S.p.A., leader nazionale nella distribuzione di articoli di ferramenta, giardinaggio, utensileria, fai da te e arredo garden ha annunciato l’entrata di Cristian Bonacini come direttore commerciale. Bonacini vanta una grande esperienza nel campo commerciale, con un background consolidato nella gestione delle relazioni aziendali e delle strategie commerciali. La sua competenza e la sua visione del mercato contribuiranno in modo significativo al rafforzamento della leadership della A.Capaldo S.p.A. in uno scenario sempre più competitivo. Enrico Auda, attuale direttore commerciale, affiancherà Cristian Bonacini trasmettendogli il proprio bagaglio di relazioni e strategie fondamentali che, negli ultimi decenni, hanno decretato lo straordinario successo dell’azienda. Il team manageriale della A.Capaldo S.p.A. si arricchisce così di un ulteriore membro che, con impegno, dedizione e visione, contribuirà all’evoluzione dei percorsi di riorganizzazione, innovazione e digitalizzazione già intrapresi dall’azienda irpina. Obi arriva a La Spezia e chiude Torino Rivalta È ufficiale, aprirà entro la prossima primavera il nuovo centro Obi di La Spezia di cui avevamo parlato già tre anni fa. Infatti è stato aperto il recruiting: si cercano capi settore, addetti alle vendite in diversi reparti e addetti box informazioni e cassa. Il negozio sorgerà in un’area industriale bonificata (ex Sio) posta nelle vicinanze dell’autostrada ma non lontana dal centro città, tra via Carducci e via Maralunga, dunque una location strategica. La superficie del punto vendita sarà intorno ai 6.000 mq, con un parcheggio per 500 auto. Non mancherà un’area verde attigua destinata a parco giochi. Il centro di La Spezia rappresenterà la prima apertura in Liguria per il retailer tedesco, in un bacino d’utenza in cui operano solo negozi di media metratura, un Bricocenter e un Brico io. A fronte di questa nuova apertura, Obi ha annunciato ai sindacati che entro la prima metà del 2024 chiuderà il negozio di Torino Rivalta, uno store di 4.400 mq in cui lavorano 27 addetti a cui è stato proposto di trasferirsi in piccola parte ad Asti e soprattutto proprio nel nuovo negozio di La Spezia. Acciaio, prezzi in ribasso sia per i prodotti lunghi che per i piani Per il mercato dei prodotti lunghi in acciaio al carbonio (tondo per cemento armato, travi, laminati mercantili, vergella) il 2023 si sta confermando un anno complicato. Infatti, persiste una stagnazione della domanda reale ed è in corso una contrazione del consumo apparente, con un costante decremento delle quotazioni rispetto al 2022. Questo quanto emerso durante il webinar Mercato & Dintorni, l’appuntamento mensile di Siderweb dedicato alla congiuntura siderurgica. Si registra una contrazione continua e costante dall’aprile 2022, momento nel quale le quotazioni hanno raggiunto il picco storico, ad oggi, con i prezzi che sono scesi di circa 560 euro la tonnellata per il tondo per cemento armato (pari al 50,7% del valore), di 627 euro la tonnellata per le travi (-43,2%) e di 525 euro la tonnellata per i laminati mercantili (-41,3%). Anche il mercato dei prodotti piani in acciaio (coils, lamiere, lamiere da treno) si prepara a un autunno piuttosto difficile: i prezzi stanno seguendo una tendenza tra lo stabile e il ribasso, nonostante alcuni tentativi di rialzo da parte di alcuni operatori europei, finora non assorbiti a valle; la domanda resta piuttosto debole, continuando a impedire una regolarizzazione del livello degli stock. “Rispetto a settembre 2022 il prezzo del minerale di ferro è salito del 20%; quello del coking coal è rimasto sui medesimi livelli; la quotazione del rottame è sotto del 3-4%. A oggi il minerale potrebbe chiudere l’anno sugli stessi livelli registrati nel 2022, superando le attese” ha detto Emanuele Norsa, analista di Kallanish e collaboratore di Siderweb. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ Foxintelligence: vendite brico in crescita in settembre Nel mese di settembre, la quota di mercato del settore ‘bricolage e giardinaggio’, sul fatturato totale generato dalle vendite online in Italia, è pari al 9%, un dato in crescita rispetto ad agosto. A segnalarlo, è il report mensile realizzato da Foxintelligence, società di riferimento nella misurazione delle vendite del commercio elettronico in Europa. Nella fattispecie, Foxintelligence registra l’andamento del canale ecommerce in alcuni fra i principali mercati europei (fra cui l’Italia), attraverso l’analisi dei comportamenti di acquisto di un panel di circa 5 milioni di acquirenti web del vecchio continente. In particolare, l’ultimo studio Foxintelligence si è focalizzato sulle vendite web effettuate dagli ‘heavy shopper’, ovvero dagli acquirenti web più assidui, che rappresentano il 20% del totale utenti online europei. Ebbene, su quali piattaforme hanno comprato, preferibilmente, gli heavy shopper italiani? Il primo dato interessante è che in settembre, all’interno della classifica nazionale dei 10 top retailer per fatturato online, c’è più di un nome del mondo brico, home & garden. Segnaliamo, per esempio, l’8a posizione di Ikea, mentre Leroy Merlin è al 9° posto. Al vertice del ranking troviamo Amazon che, peraltro, è primo anche negli altri paesi analizzati: Regno Unito, Francia, Germania, Spagna. Un altro dato degno di nota è il trend costantemente positivo fatto registrare in Europa dal mercato dei prodotti per la casa. Con una market share del 15%, il comparto dell’home è il 2° per importanza, in termini di fatturato, all’interno del target degli heavy eshopper europei. Gli articoli del mondo casa sono fra i più comprati anche dal resto della clientela, ovvero dalle persone che acquistano su internet con minore o con bassa frequenza: in base alle spese online sostenute da questa ampia fetta di utenti, l’- home rappresenta il 3° mercato più significativo a valore.

NEWS ATTUALITÀ Sequestro pile Duracell contraffatte. Il distributore ufficiale ringrazia la GdF Il comunicato stampa presente sul sito ufficiale della Guardia di Finanza (pubblicato l’8 settembre 2023 e riportato dai mezzi di informazione nazionali) rende noto che, grazie all’intervento della GdF, sono state sequestrate oltre mezzo milione di batterie con marchio Duracell contraffatte e che il sequestro ha coinvolto anche una azienda livornese. La CFG Spa, in qualità di distributore ufficiale nazionale Duracell, con il pieno supporto della Duracell Italy, intende precisare che CFG SpA in nessun modo è coinvolta nei sequestri eseguiti dalla Guardia di Finanza, nella vicenda giudiziaria e nei procedimenti penali che ne conseguiranno. Con l’occasione, la CFG SpA di Livorno, nella persona del suo amministratore delegato Dottor Guglielmo Bitossi, ringrazia la Guardia di Finanza per l’operato, condividendo la frase di chiusura del comunicato stampa della GdF: “L’operazione testimonia l’impegno profuso dalla Guardia di Finanza a tutela del mercato sempre più minacciato della contraffazione che agisce da moltiplicatore di illegalità, alimentando i circuiti sommersi del lavoro nero, dell’evasione fiscale, del riciclaggio, spesso controllati dalla criminalità organizzata, danneggiando le imprese oneste ed esponendo a rischio la sicurezza e la salute dei consumatori”. I finanzieri del Gruppo di Perugia hanno sequestrato oltre 570mila batterie di tipo “stilo” e “mini stilo” e 145 mila cartoncini contenitivi (blister) recanti il marchio Duracell contraffatto. Franzini Annibale festeggia il 150° anniversario Grande successo per l’evento speciale organizzato per celebrare l’anniversario dell’azienda, tenutosi lo scorso 15 settembre 2023 presso Villa Spalletti Trivelli a Sant’Ilario (Re) e dedicato ai soli dipendenti. La serata è stata inaugurata con un caloroso benvenuto a tutti i collaboratori in un discorso toccante, tenuto da Francesco Franzini, Ad di Franzini Annibale SpA, che ha espresso la sua profonda gratitudine a tutti i gruppi di lavoro, scatenando un’entusiastica standing ovation da parte di tutti i presenti. Loris Capirossi, da anni testimonial Maurer, ha sottolineato quanto i ragazzi meritassero questa festa, inviando un caloroso augurio di continuare su questa strada di successo a tutto motore. Presente anche il Team Maurer con la moto Aprilia RS660, di cui Maurer è sponsor del trofeo nei circuiti del CIV. Per rendere la celebrazione ancora più speciale, il presidente di Unindustria Reggio Emilia, Roberta Anceschi, insieme al direttore generale Vanes Fontana, hanno consegnato la statua “Homo Faber” dello scultore reggiano Graziano Pompili a Francesco Franzini ed Enrico Corradi, rispettivamente ceo e presidente di Franzini Annibale Spa. Per concludere la serata, dopo un ricco aperitivo e una cena di Gala all’interno della Villa, Ale e Franz hanno intrattenuto la platea con i loro divertenti sketch, coinvolto anche Francesco Franzini in alcune esilaranti battute. La trasparenza di Francesco Franzini ha fatto emergere la sua visione e il suo metodo di lavoro incentrato sulle persone, sul team e sulla capacità di evolversi nel tempo. Trimestre anti-inflazione anche in ferramenta: una testimonianza È iniziato lo scorso 1° ottobre il trimestre anti-inflazione, l’iniziativa promossa dal Governo per favorire il contenimento dei prezzi dei beni di prima necessità e far fronte alla spinta inflazionistica a cui si è assistito negli ultimi mesi. Le imprese che aderiscono al progetto si impegnano a offrire una selezione di articoli a prezzi contenuti, con particolare attenzione ai prodotti di uso quotidiano, e a non aumentare il prezzo di tale selezione fino al 31 dicembre 2023. Fra le varie tipologie di esercizi commerciali, anche le ferramenta sono coinvolte, in quanto distributrici tra le migliaia di referenze commercializzate, anche beni di prima necessità fra cui combustibili per riscaldamento (pellet-bioetanolo), prodotti per l’igiene, la pulizia e sanificazione della casa, ma anche idropitture e vernici e molti altri. Mauro Pedone amministratore di Pedone S.r.l. con sede a Bisceglie (BT) e membro del Comitato Tecnico di Assofermet Ferramenta, ha scelto di partecipare all’iniziativa. Nel corso del mese di settembre, Assofermet Ferramenta ha formalmente proposto alle aziende associate di aderire all’iniziativa e Pedone Ferramenta ha scelto fin da subito di partecipare. “La nostra realtà è sempre attenta alle richieste e proposte che provengono da Assofermet”, ha raccontato Pedone, “e non appena ricevuta la comunicazione abbiamo inviato la nostra richiesta a Roma. A fine settembre ci è stata confermata la possibilità di aderire e a breve usciremo con la comunicazione evidenziando – così come indica il protocollo d’intesa – i prodotti interessati all’iniziativa.” L’impressione è che ci sarà un ritorno molto positivo da parte dei consumatori, fortemente colpiti dalla crescita dei prezzi a cui abbiamo assistito negli ultimi mesi. Qualche cliente ha già esplicitamente dichiarato di aver controllato la lista di attività commerciali aderenti sul sito del MIMIT, 23.000 su tutto il territorio nazionale. FERRUTENSIL 14 SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Simplify your work

NEWS ATTUALITÀ FERRUTENSIL 16 Pellet, prezzi giù. Le previsioni per l’inverno Tiene ancora per il momento la fase di ripiegamento del prezzo del pellet, una commodity energetica che ha vissuto negli ultimi anni una serie di sbalzi che hanno turbato non poco un mercato in piena espansione, molto interessante per il canale del bricolage sia per la vendita di stufe e accessori sia per il combustibile stesso. Se prendiamo come unità di misura il sacco di pellet da 15 Kg di buona qualità (certificato EN Plus A1) possiamo disegnare una curva dei prezzi che parte dall’autunno 2021 con quotazioni intorno ai 4-5 euro e che si è impennata nell’autunno 2022 superando i 10 euro (secondo la rilevazione AIEL di settembre 2022 la media era di 10,5 euro) per poi ripiegare del 40% circa nel 2023: nell’estate AIEL indicava 6,19 euro come il prezzo di riferimento. Certamente a questa riduzione di prezzo ha contribuito il taglio dell’IVA dal 22 al 10%, provvedimento inserito nella legge di bilancio 2023 e che, se non verrà rinnovato, scadrà a fine anno, ma il calo va ben oltre questo. Il timore è che si sia trattato di un fenomeno dovuto alla bassa stagione, l’estate appunto, quando le vendite sono limitate. Ma ormai, soprattutto chi usa il pellet come fonte di riscaldamento primaria, ha imparato ad approvvigionarsi con largo anticipo, prima che parta la stagione fredda, proprio per evitare la fisiologica crescita dei prezzi invernali, nonché i problemi di disponibilità del materiale riscontrato negli anni scorsi. In ogni caso al momento la situazione pare stabile, non abbiamo ancora il dato AIEL, ma basta fare una ricerca sul web per rilevare prezzi abbastanza uniformi intorno ai 6 euro. È possibile che, in caso non venga riconfermata la riduzione IVA anche per il 2024, si verifichi negli ultimi mesi dell’anno una corsa alle scorte che potrebbe far puntare di nuovo all’insù la curva dei prezzi. Per contro rimane sempre la speranza di una qualche risoluzione del conflitto in Ucraina che farebbe tornare sul mercato milioni di tonnellate di biocombustibile, con conseguente significativa contrazione dei prezzi. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ FERRUTENSIL 17 BE READY. PRONT I ? CALZE NEVE OMOLOGATE EN 16662-1 DAC SRL V.Le J.F. Kennedy 21/a - 46019 Viadana (MN) Tel. +39 0375 820611 - Fax +39 0375 785840 CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI - dac.info@dacsrl.net NUOVA OMOLOGAZIONE EUROPEA CHE UNIFICA SOTTO LA STESSA OMOLOGAZIONE LE CALZE DA NEVE E LE CATENE NEVE INQUADRA IL QR CODE PER IL VIDEO DI MONTAGGIO DELLE CALZE NEVE CONSIGLIATE PER TUTTO IL PARCO AUTO CIRCOLANTE - ANCHE PER AUTO NON CATENABILI www.dacsrl.net PER TUTTE LE SPECIFICHE Screwfix arriva anche in Italia come pure player online A margine della presentazione dei dati fiscali di Kingfisher, il ceo del gruppo Thierry Garnier ha annunciato un altro passo nel processo di espansione internazionale dell’insegna Screwfix, probabilmente il format di maggiore successo tra quelli proposti dal retailer anglo francese. La catena ha aperto il primo store in Francia lo scorso anno, ad oggi i negozi sono già 9 ed è prevista l’apertura di altri 20-25 punti vendita nell’anno fiscale 23/24. Il successo francese ha convinto il management del gruppo ad espandere l’offerta, per ora solo online, al resto del continente: entro la fine del 2023 attraverso il sito screwfix.eu sarà possibile ordinare online in 20 paesi europei tra cui l’Italia. Si tratta per ora di un annuncio troppo generico per capire quale impatto potrà avere l’iniziativa in un mercato già assai affollato e competitivo come quello dell’ecommerce tecnico/professionale in Italia, con player di peso attivi già da anni. Molto dipenderà dal supporto di investimenti logistici che sarà dato all’operazione, senza una rete decentrata per le spedizioni, difficilmente la piattaforma potrà soddisfare le esigenze della clientela pro, ormai abituata a un livello di servizio molto alto. Ciò detto, conviene non sottovalutare l’ingresso nel nostro mercato di un vero colosso della distribuzione Diy continentale: 884 negozi in Regno Unito e Irlanda con 60 nuove aperture pianificate nell’anno fiscale 23/24 e l’obiettivo di superare i 1.000 nel medio termine e un progetto di sviluppo in Francia che potrà arrivare a 600 negozi nel lungo termine. Il format di Screwfix si rivolge prevalentemente all’utenza professionale per le necessità ‘leggere’, opera attraverso negozi di medio piccola dimensione con aree espositive molto ridotte che fungono più da magazzini di supporto all’attività multicanale che da veri negozi. Nell’anno fiscale 2022/23 le vendite di Screwfix in Irlanda e Regno Unito sono state di 2,365 miliardi di sterline (2,73 miliardi di euro).

NEWS ATTUALITÀ Edilizia: +4% nel 2023, secondo Federcostruzioni Il settore delle costruzioni sta mostrando una notevole vitalità, con una crescita costante nonostante l’aumento dell’inflazione e un impatto positivo sul PIL nazionale. Questa è l’immagine che emerge dal Rapporto Federcostruzioni, presentato durante l’evento inaugurale di SAIE – la fiera delle costruzioni, che si è tenuta dal 19 al 21 ottobre presso la Fiera del Levante di Bari. I dati del 2022, in confronto a quelli già molto positivi del 2021, parlano di una filiera edile che ha raggiunto un valore totale di produzione di circa 600 miliardi di euro, con un aumento di ben +100 miliardi (+19,6%) rispetto all’anno precedente, principalmente grazie all’importante impulso fornito dai bonus fiscali e dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Dei finanziamenti previsti dal PNRR, ben 108 miliardi sono destinati al settore delle costruzioni e, inoltre, il 78% della spesa già effettuata riguarda investimenti in costruzioni. Anche l’occupazione ha beneficiato di questa crescita: alla fine del 2022, il numero di lavoratori nel settore superava i 3 milioni, con un incremento di 250.000 unità (+9%) rispetto al 2021. Questo ha avuto un impatto significativo sull’economia nazionale, poiché secondo il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), più della metà della crescita del PIL italiano negli ultimi due anni è attribuibile all’edilizia e alla sua catena di produzione. Tuttavia, quali sono le prospettive per la fine del 2023 e il futuro prossimo? Secondo Federcostruzioni, il bilancio a fine anno rimarrà positivo, con una prevista crescita del +4% per il settore, ma ci sono alcune incertezze sul futuro della filiera dovute all’aumento dell’inflazione, dei costi dell’energia, all’instabilità geopolitica e alla riduzione del Superbonus, rendendo difficile prevedere con certezza l’andamento nel corso del prossimo anno. La riqualificazione abitativa è diventata particolarmente rilevante per il settore. La direttiva europea Casa Green stabilisce che gli edifici residenziali dovranno migliorare almeno fino alla classe energetica E entro il 2030, e alla classe D entro il 2033, con l’obiettivo di raggiungere emissioni zero entro il 2050. In questo contesto, il Superbonus e altri incentivi hanno sostenuto la spesa delle famiglie, come confermato dal Centro Studi ANCE, che ha stimato circa 430.000 interventi di efficientamento energetico entro il 30 settembre 2023. Tuttavia, ora è necessaria una soluzione per affrontare i crediti in sospeso, che ammontano a quasi 95.000 interventi a rischio. Würth inaugura un nuovo store a Egna (Bz) Würth Italia ha inaugurato un nuovo Würth Store a Egna, in via Stazione 51, a pochi passi dalla propria sede. Solo un anno fa, proprio a Egna, si è tenuta la cerimonia di posa della prima pietra della struttura che ospiterà la nuova sede e il nuovo centro logistico di Würth, che ha previsto un investimento da 60 milioni per costruire un edificio eco-sostenibile e innovativo. L’ultimo “negozio dell’artigiano” a presidiare la provincia di Bolzano ha aperto un anno fa, in via Luiss Zuegg 32, diventando il primo flagship store in Italia. In questa direzione, Würth continua a rafforzare la propria presenza sul territorio locale, all’interno del più grande piano di sviluppo ed espansione a livello nazionale previsto fino al 2025. “Würth Italia ha celebrato quest’anno il 60esimo compleanno e in questo periodo ricco di soddisfazioni siamo orgogliosi di aver potuto inaugurare una nuova sede in provincia di Bolzano, un territorio in cui l’azienda opera da sempre con dedizione ed entusiasmo e che sente come parte integrante delle proprie attività di business” ha dichiarato Nicola Piazza, amministratore delegato di Würth Italia. “Uno dei nostri obbiettivi è quello di continuare a investire nella creazione di nuovi canali di contatto sul territorio nazionale e di porci come un autentico ‘connettore’ di imprese per favorire la collaborazione e la crescita del settore”. Come tutti i Würth Store, anche il nuovo negozio di Egna mette a disposizione più di 5.000 prodotti in pronta consegna tra utensili elettrici e a mano, prodotti chimici tecnici, minuteria, tasselli, prodotti per l’edilizia, materiali per l’installazione elettrica, prodotti antinfortunistici e DPI, attrezzatura ed abbigliamento da lavoro e molto altro ancora. Il nuovo store di Egna ospita anche il virtual showroom di Würth, che applica la realtà aumentata al settore dell’arredo bagno per rivoluzionare la customer experience. Grazie ai visori in virtual e mixed reality, il cliente può progettare il bagno dei suoi sogni immergendosi nel progetto di arredo e scongiurando dubbi legati allo spazio, alle misure o allo stile dell’arredamento. Presso lo store è possibile usufruire dei diversi servizi offerti da Würth, come il servizio click&collect – con cui ordinare la merce tramite Würth OnlineShop o Würth app e ritirarli in negozio in appena 60 minuti – e la possibilità di usufruire della consulenza tecnica e specializzata del personale in negozio. FERRUTENSIL 18 SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

!!"#$%&"#'("!'")" #"#*%+("("#&'#$")% Corso Fiume, 4 - 10133 Torino - www.ioi.it - shop.ioi.it Tel. +39 011 553 40 21 - e-mail: info@ioi.it I.O.I. INDUSTRIE OTTICHE ITALIANE S.r.l.

AXEL GROUP IN PIENA FASE DI RINNOVAMENTO INTERVISTA Axel Group scarl è una realtà leader presente a livello nazionale nel settore di prodotti di ferramenta e per il giardinaggio, attraverso una piattaforma logistica tecnologicamente avanzata e punti vendita presenti capillarmente nel territorio, gli Axel Point. La politica che ne ha determinato il successo, portandola a consolidare nel 2022 un fatturato complessivo di 50 milioni di euro e la gestione di 8000 rivendite clienti, non è quella di proporre prodotti a prezzo più basso, ma ricercare il miglior compromesso tra qualità e prezzo: il risultato è la distribuzione di prodotti di media/alta qualità, sempre controllati e quindi garantiti dal Gruppo, ad un prezzo competitivo. Oggi la compagine annuncia una nuova fase di evoluzione inaugurata con l’arrivo di un nuovo responsabile commerciale, Stefano Costamagna, con cui abbiamo approfondito le nuove strategie e progetti di crescita, una fase già iniziata con l’entrata di un nuovo affiliato, la Maritex, noto distributore di Villacidro, in Sardegna. Con l’entrata di un nuovo direttore commerciale e di un nuovo affiliato dalla Sardegna, il noto gruppo distributivo ferramenta, utensileria e giardinaggio entra con rinnovata determinazione in una nuova fase di evoluzione nell’anno del 25° anniversario. FERRUTENSIL 22 ALESSANDRA FRASCHINI alessandra.fraschini@epesrl.it Complimenti per la sua nomina in Axel. Quali sono a suo giudizio gli elementi peculiari che distinguono il gruppo nel panorama distributivo ferramenta italiano? Grazie, essere il direttore commerciale di Axel Group è per me motivo di orgoglio. Affronto questa sfida con grande carica e determinazione e metterò a disposizione di Axel Group le mie conoscenze, esperienze e competenze, maturate nel mio lungo percorso lavorativo. Axel Group è un’importante realtà del mercato della ferramenta del nostro Paese e quest’anno compie 25 anni dalla sua nascita grazie ad un gruppo di imprenditori che da sempre si distingue per la serietà, la competenza e la professionalità nel panorama del mondo della ferramenta in Italia. Su quali strategie sta focalizzando i primi mesi di attività? Intendo continuare l’ottimo lavoro svolto fino ad oggi, aumentando l’offerta dei prodotti a marchio Axel e Garland con attività promozionali e di marketing innovative e accattivanti, dando maggior visibilità all’interno dei punti vendita (e sui social più utilizzati) ai nostri marchi. E’ previsto un piano di crescita sugli affiliati? E’ proprio di questi giorni la notizia dell’entrata come affiliato in Axel Group della Maritex, di Villacidro, azienda importante e con radici profonde in Sardegna, nei settori agrarie, agricole e ferragricole. Siamo sicuri che insieme diffonderemo al meglio i prodotti Axel e Garland su quel territorio. Per tornare alla domanda se è previsto un piano di crescita sugli affiliati, confermo di sì, sempre che siano imprenditori con le caratteristiche e le peculiarità giuste per poter entrare a far parte del gruppo ed operino in regioni dove non siamo ancora presenti.

A suo giudizio la filiera lunga quali elementi competitivi ha e quali difficoltà sta affrontando? Dare un giudizio sulla competitività o meno di una filiera lunga di distribuzione non è facile in poche righe. A parer mio, per il nostro mercato, costituito principalmente da piccole e medie attività di prossimità, il ruolo del grossista è determinante affinché i prodotti siano fruibili ai consumatori di Castri e di Cogne, tanto per citare due località all’estremità della nostra bella penisola, che possono andare a comprare nelle ferramenta sotto casa, in modo da poterli vedere, toccare, farsi consigliare da un esperto e scegliere il loro acquisto con la consapevolezza che sia il prodotto giusto. Indubbiamente, il lavoro del grossista è cambiato negli ultimi anni e il termine ‘servizio’ è quello più in voga nel nostro mondo, ancor di più di prezzo e di assortimento. Essere veloci e precisi nella consegna dei prodotti oggi è fondamentale per ogni grossista italiano. Ed è chiaro che il maggior onere nel mantenere la filiera lunga è a carico di questa categoria di imprenditori così come lo è rendere il mercato tradizionale moderno e competitivo con il canale ecommerce. Quali marchi vi stanno dando le maggiori soddisfazioni? Il marchio Axel e il marchio Garland sono il fiore all’occhiello di Axel Group. La gamma dei prodotti Axel spazia su più categorie merceologiche, dagli elettroutensili ai prodotti per la cura del giardino, dalle lampadine alle vernici ecc. Prodotti di qualità riconosciuti dal mercato assieme al prezzo di vendita al pubblico competitivo rispetto agli altri brand esistenti. I prodotti della linea Garland (azienda spagnola) sono invece specifici per il mondo del giardinaggio con una proposta leader nel mercato di provenienza con una gamma importante di prodotti, dai rasaerba ai descespugliatori, dalle elettroseghe elettriche ai seghetti a batteria. Sulle vostre marche private che progetti di sviluppo avete? I prodotti Axel e Garland saranno sempre più presenti nelle case degli italiani e accompagneranno i consumatori sia nei lavori casalinghi sia in giardino, come partners affidabili, risolventi, pratici da usare e belli da vedere. Tutto questo avverrà attraverso le rivendite ferramenta nostri clienti e con gli Axel point. Qualità dei prodotti, affidabilità e assistenza post vendita, insieme alla comunicazione saranno i punti cardini di Axel Group. A suo giudizio quali sono le esigenze del mercato oggi? A mio giudizio, si possono riassumere nel rispondere efficacemente ai bisogni del consumatore nel modo più veloce possibile, esauriente e con il giusto mix di qualità e prezzo d’acquisto. State sviluppando molto il fronte supply-chain e logistica. Ci racconta le recenti evoluzioni con l’inserimento di magazzini automatici? I soci distributori di Axel Group (ognuno per le proprie esigenze) hanno già automatizzato i loro magazzini. Innovare e migliorare le strutture di stoccaggio delle merci, la preparazione degli or- FERRUTENSIL 23 INTERVISTA >>> Stefano Costamagna, nuovo responsabile commerciale di Axel Group. Essere veloci e precisi nella consegna dei prodotti oggi è fondamentale per ogni grossista italiano. Ed è chiaro che il maggior onere nel mantenere la filiera lunga è a carico di questa categoria di imprenditori così come lo è rendere il mercato tradizionale moderno e competitivo con il canale ecommerce. AXEL GROUP IN PILLOLE Sede: Via Ferrarin 8/B San Giuseppe di Cassola (Vi) Struttura logistica: F.lli Zangrillo Formia Associati: IVM, Ferramenta Salvatore, F.lli Zangrillo , Cascino Angelo e C., Maritex Fatturato: complessivo Associati 50.000.000 €. Fatturato prodotti Axel e Garland 10.000.000€ Clienti Rivenditori: 8.000, Axel Point 250 Merceologie: tutte quelle presenti in ferrramenta Brand principali: Axel, Garland Sito e presenza social media: www.axelgroup.it, facebook, whatsapp.

FERRUTENSIL 24 INTERVISTA MARITEX, IL NUOVO AFFILIATO AXEL GROUP E’ la Maritex srl di Villacidro il nuovo affiliato ad Axel Group, un noto distributore con radici profonde in Sardegna, soprattutto nei settori delle agrarie, agricole e ferragricole. Maritex è un’azienda storica attiva da molti anni in Sardegna; nel tempo ha vissuto diverse evoluzioni, ma è sempre restata un’azienda a carattere familiare dove lavorano 7 componenti, di cui 4 sono nel CDA. L’azienda nasce come produttrice di cordami (un ramo d’azienda ancora presente) e si è nel tempo sviluppato in affiancamento a tutto il settore commerciale con focus verticale sul settore agricolo, pastorale e zootecnico con articoli che coprivano le esigenze di quel mondo e dei suoi rivenditori. L’offerta comprende quindi dai prodotti agricoli per l’utenza hobbistica e semiprofessionale, agli articoli per garden e orto privato (sia utensili sia vasi e terricci), al segmento pet, food e care. Cosa l’ha spinta ad entrare nel gruppo distributivo? La Sardegna è una delle regioni in cui gli sviluppi arrivano sempre in ritardo, però è anche presa come area test per lanciare nuovi articoli in un mercato in cui il livello di prezzo è più alto che nelle altre regioni. Per cui tutti i grossisti più importanti del Continente (dal Lazio alla Toscana e alla Campania), sono arrivati in Sardegna e sono diventati in parte nostri competitors anche nei nostri segmenti core business. Oggi viviamo da parte loro una concorrenza molto aggressiva che ci ha spinto a volerci rafforzare affiliandoci ad un gruppo e, dopo un’attenta selezione di aggregazioni, la nostra scelta è caduta su Axel Group, perché crediamo nella condivisione delle strategie con persone che vogliano crescere insieme e sviluppare una finalità comune, sia distributiva sia nell’acquistare meglio per essere più competitivi. Crediamo in questa tipologia di affiliazione e di accordi e abbiamo deciso che Axel fosse il gruppo che rispondeva meglio alle nostre esigenze per la sua capacità e competenza nei settori edilizia e ferramenta, ben organizzato e competitivo. Da parte nostra, intendiamo mettere a fattor comune le nostre competenze nei settori in cui siamo specializzati. Non siamo interessati solo al numero del fatturato, anche la distribuzione in tutta Italia rende interessante per noi l’aggregazione in Axel. Desideriamo prima possibile completare il travaso di conoscenze su quelle tipologie ancora lontane dalla nostra attività quotidiana (utensileria e ferramenta soprattutto) e di capacità organizzative per poterci mettere in una situazione più favorevole e riparata rispetto della concorrenza. Quali tendenze di mercato state raccogliendo in Sardegna? Qui da noi i negozi non sono molto grandi, la media è circa 200 mq più un’area esterna, l’offerta più diffusa è molto ampia e trasversale, sono pochi gli specializzati anche perchè la Sardegna è divisa in tanti piccoli paesi, tra i 5000 e i 10 mila abitanti. Solo nei centri urbani la cui presenza è limitata, c’è una minoranza di rivendite specializzate. Noi serviamo circa 400 dettaglianti e nel complesso la Regione non supera le 700 rivendite ferramenta ed edilizia. Il mercato turistico è molto interessante, ma per noi è ancora tutto da sviluppare. Quali saranno le altre novità della vostra attività? Abbiamo appena ultimato il rinnovo del gestionale per migliorare efficienza, supply chain e logistica di tutta la nostra offerta di circa 20 mila referenze che, grazie all’affiliazione, arriverà presto a 30 mila. Inoltre, abbiamo una piattaforma b2b per la raccolta digitale degli ordini dei nostri clienti rivenditori con garanzia di consegna entro la giornata successiva in tutta la Sardegna. dini con sempre meno possibilità di errori e la consegna veloce dei prodotti sui punti vendita, sono naturalmente una cifra fondamentale nel lavoro degli imprenditori di Axel Group che continueremo a sviluppare. Cosa pensate della vendita multicanale in ferramenta? Axel Group non ha una piattaforma aperta per vendere al pubblico direttamente. La scelta del gruppo è arrivare al cliente finale solo attraverso i nostri clienti negozianti. Sappiamo benissimo che molti dei nostri clienti vendono i prodotti Axel e Garland attraverso i loro siti e li esortiamo a vendere i nostri prodotti ai prezzi di vendita al pubblico da noi stabiliti. n

RkJQdWJsaXNoZXIy Mzg5ODQy