FERRUTENSIL MARZO 2023

MARZO 2023 - anno 37 - n°2 DISTRIBUTORE Anfuso: il mercato ferramenta siciliano? Frammentato e trasversale DOSSIER Riscaldamento alternativo o ausiliario un’opportunità (in parte) perduta RIVENDITORI • Poma Mario • Cioni Soluzioni • Rossetti Market MERCATI Gardening: vicine al miliardo le vendite tra brico e ferramenta Il MagazI ne per l’ute nsIlerIa e la ferraMe nta specIalIzzata ferrutensil.com 185x195 copertina Ferrutensil Milwaukee 2023 TRAC.indd 1 24/02/23 12:00

FERRUTENSIL 1 SOMMARIO 24 32 28 INTERVISTA Rossetti market: un mega store ad ampia specializzazione con un focus in ferramenta e utensileria, in continuo sviluppo sia nel canale fisico sia online. 52 RIVENDITORE Cioni Soluzioni: un nome che racconta l’identità di questa azienda che l’anno prossimo festeggerà il 60° anniversario, piena di nuovi progetti. 38 2 Editoriale 6 News Attualità 24 INTERVISTA I 100 anni di Poma Mario: un anniversario con forte proiezione verso il futuro di Alessandra Fraschini 28 DISTRIBUTORE Anfuso: il mercato ferramenta siciliano? Frammentato e trasversale di Alessandra Fraschini 32 DOSSIER DISTRIBUZIONE Riscaldamento alternativo o ausiliario un’opportunità (in parte) perduta di Valeria Lodesani 38 RIVENDITORE Da Cioni ferramenta a Cioni Soluzioni di Valeria Lodesani 42 INTERVISTA StanleyBlack&Decker Italia: Vito Galantino guida l’azienda verso un nuovo scenario di Alessandra Fraschini 46 MONDO ASSOCIATIVO Ferca e l’integrazione tra comparto ferramenta e mondo Expert di Valeria Lodesani 50 EVENTI Gardening: vicine al miliardo le vendite tra brico e ferramenta di Sara Cavallini 52 INTERVISTA Rossetti market, la multispesa per famiglia e azienda di Alessandra Fraschini 58 EVENTI A BigMarket le strategie di sviluppo dell'insegna leader nella distribuzione edile di Claudia Perolari 62 RIVENDITORE Utensilveneta: flessibilità e servizio nelle forniture industriali di Massimo Casolaro 64 ATTUALITÀ Amazon, più logistica che prodotti di Massimo Casolaro 68 SOSTENIBILITÀ Diciture green e pitture: Assovernici fa chiarezza di Claudia Perolari 72 TENDENZE Storytelling e team building in negozio di Edward Rozzo DALLE AZIENDE 22 Milwaukee Packout™ rivoluziona il modo di trasportare e conservare gli utensili 74 Starrett Deep Cut, la sega a tazza bimetallica di nuova generazione 76 Comfort, vestibilità e qualità: Rica Lewis® Workwear è “Fit good” 78 Sipa, il valore del made in Italy a cura di Claudia Perolari 80 Dalle aziende...in breve 87 Fiere 90 Prodotti & Novità 96 Offerte di lavoro a cura di Claudia Perolari INTERVISTA Un anniversario storico per Poma Mario il noto distributore ferramenta lombardo. Quattro generazioni in azienda e importanti progetti di sviluppo nel canale fisico e online. Utilizza il QR Code per sfogliare online Ferrutensil su tablet o smartphone o vai su ferrutensil.com/rivista DOSSIER DISTRIBUZIONE Il settore Riscaldamento alternativo o ausiliario a causa dell’aumento delle bollette vive una domanda straordinaria che la distribuzione ferramenta stenta a soddisfare. INTERVISTA Tra i protagonisti della distribuzione all’ingrosso siciliana e non solo, Antonio Anfuso racconta progetti e strategie per continuare a crescere nel canale tradizionale ferramenta in Sicilia, Calabria e Malta.

FERRUTENSIL 2 EDITORIALE MASSIMO CASOLARO direttore esecutivo e responsabile massimo.casolaro@epesrl.it Con il documento di programmazione economica e finanziaria 2023 il governo ha imposto una brusca frenata all'utilizzo di tutti i bonus edilizi che negli ultimi anni hanno spinto (alcuni dicono drogato) il mercato delle costruzioni e con esso l'ampio e articolato mondo che gli ruota intorno. Infatti, con il divieto di cedere i crediti fiscali, decade di fatto la possibilità di scontare subito in fattura l'agevolazione, che il proprietario dell'immobile può recuperare solo nella propria dichiarazione dei redditi in 10 rate annuali. E' evidente che il cambio di rotta avrà conseguenze significative, in primis sulle imprese edili, ma anche su artigiani, installatori, posatori, impiantisti e infine su settori attigui come quello dei serramenti, della climatizzazione, del solare, dell'elettrico, ecc. Insomma, un mezzo terremoto. E infatti, le associazioni delle varie categorie sono sul piede di guerra: nelle news (da pag. 6) abbiamo selezionato solo alcuni dei comunicati arrivati in redazione. Ance, l'associazione dei costruttori edili, è evidentemente quella che annuncia le conseguenze più catastrofiche, parlando di un possibile tracollo del settore e di "situazione che è diventata drammatica con conseguenze devastanti sul piano economico sociale". Più composta la reazione di Unicmi (serramenti) che comunque quantifica tra il 30 e il 40% il calo degli interventi di riqualificazione energetica (ecobonus) e di ristrutturazione edile (bonus-casa), mentre le associazioni della filiera idrotermosanitaria (Anima) e di quella elettrica (Anie) sottolineano come questa decisione del governo causerà una frenata nell'efficientamento energetico degli immobili e renderà più difficile raggiungere gli obiettivi che la UE impone con il piano di transizione verde 'fit for 55%'. Preoccupata anche Assofermet Ferramenta per "le vendite dei grossisti e dettaglianti di ferramenta, la cui attività in numerosi casi contempla la vendita di materie prime, prodotti, componenti e beni per l’edilizia”. La verità è che presto o tardi questa bolla doveva scoppiare, magari si poteva procedere più gradualmente, ma tutti gli operatori della filiera edile e del suo indotto erano consapevoli che si era creata una situazione insostenibile nel lungo periodo. E non solo per i conti dello Stato: sei mesi fa, lo stesso presidente di Unicmi, intervistato da Ferrutensil, aveva segnalato come la politica degli incentivi fiscali ha portato a "un lento e progressivo allontanarsi dalla logica della contrattazione legata a fattori come la qualità certificata del prodotto e del servizio con uno scivolamento verso una domanda flat del quasi gratis". Quindi stavamo assistendo anche a un deterioramento della qualità dei prodotti e degli interventi e in definitiva a un danno per la corretta competitività del mercato. Venendo al mondo della rivendita ferramenta, è chiaro che anche qui ci saranno ripercussioni, ma già lo scorso anno in una inchiesta sul tema pubblicata su Ferrutensil di ottobre 2022, alcuni rivenditori avevano mostrato preoccupazione e insofferenza per queste agevolazioni, denunciando più criticità che vantaggi. Due delle dichiarazioni raccolte riassumono il pensiero di molti: "ritengo che i bonus abbiano creato una bolla speculativa che ha spinto in alto i prezzi in maniera artificiale e tossica per il mercato. La fine di questa bolla sarà deleteria" e ancora "con questa scusa dei bonus tutti i prezzi sono schizzati in alto del 100-200% e quindi se non tornano alla normalità, prevedo non ci sarà più lavoro o quasi". Non possiamo generalizzare, ma l'impressione è che la 'bonus economy' non sia così amata dai rivenditori del nostro settore che gli imputano, non a torto, un significativo contributo alla corsa dei prezzi degli ultimi due anni.

ANI III Cop. Bassoli Pag. 5 Bot Lighting Pag. 61 DAC Pag. 9 Einhell II Cop. Elettrocanali Pag. 11 Fermec Pag. 37 Gimap Pag. 8 Grinding - Saint Gobain Pag. 17 IMA Pag. 3 Kemper Pag. 79 Lampa Pag. 19 Lavorwash Pag. 31 Machieraldo Pag. 71 Milwaukee I Cop. R.E.I.T. Pag. 7-15-35 Rica Lewis IV Cop. Selfit Pag. 57 Starrett Pag. 21 Ullmann Pag. 13 Vinco Pag. 67 Zippo Pag. 45 INSERZIONISTI COLOFON Ferrutensil è edito da EPE Edizioni S.r.l. Redazione: 20142 Milano - Via Spezia, 33 - Tel. 02.89.50.18.30 Mail: info@ferrutensil.com - Web: www.ferrutensil.com Direttore responsabile/editoriale: Massimo Casolaro (massimo.casolaro@epesrl.it) Redazione: Claudia Perolari (claudia.perolari@epesrl.it) Sara Cavallini (sara.cavallini@epesrl.it) Segretaria di redazione: Silvia Mariani (silvia.mariani@epesrl.it) Hanno collaborato: Isabella Benaco, Adriana Colombo, Alessandra Fraschini, Vittorio Lai, Valeria Lodesani, Giulia Piccinelli, Raffaella Pozzetti, Anna Rucci, Edward Rozzo Ufficio Grafico: Claudia Bellelli (claudia.bellelli@epesrl.it) Abbonamento Italia: 1 anno (9 numeri): euro 15 Per le modalità di sottoscrizione contattare l’ufficio abbonamenti: tel. 02.89.50.18.30 - silvia.mariani@epesrl.it. Stampa: Roto3 - Castano Primo (MI) Periodico iscritto al ROC (registro degli operatori della comunicazione) n° 3231 in data 30/11/2001. Autorizzazione Tribunale di Milano n° 809 del 25/11/2004 Pubblicità: EPE srl - 20142 Milano - Via Spezia, 33 - Tel 02.89.50.18.30 Direttore Commerciale: Maurizio Casolaro (maurizio.casolaro@epesrl.it) Testata volontariamente sottoposta a certificazione di tiratura e diffusione in conformità al Regolamento CSST Certificazione Editoria Specializzata e Tecnica Per il periodo 1/1/2022-31/12/2022 Tiratura media: 9.161 copie Diffusione media: 9.014 copie Certificato C.S.S.T. n° 2022-6584 del 20/2/2023 Società di revisione: BDO Italia La stampa tecnica e specializzata è il mezzo più sicuro ed affidabile per raggiungere target mirati e selezionati di operatori di settore e professionisti. Quando pianificate il vostro investimento e scegliete a quali riviste affidare il vostro messaggio pubblicitario, puntate su testate certificate CSST. Avrete la sicurezza e la garanzia di disporre di dati certi sulla tiratura e sulla diffusione, autenticati con metodologia internazionale. Avrete la certezza di operare scelte corrette e di investire nel modo migliore il vostro denaro, affidandovi ad Editori che lavorano all'insegna della trasparenza. A.N.E.S. - Associazione Nazionale Editoria Periodica Specializzata Via Pantano, 2 - 20122 Milano Tel. 02.8057777 - Fax 02.8054815 www.anes.it - e.mail: anes@anes.it NUOVA CERTIFICAZIONE 2023 Tiratura media: 9.161 copie Diffusione media: 9.014 copie

Dal 1929, il partner di 昀ducia per gli utensili da taglio, per edilizia, per il legno e per 昀lettatura, per professionisti e appassionati. www.bassoli.it “I DETTAGLI FANNO LA PERFEZIONE E LA PERFEZIONE NON È UN DETTAGLIO” - LEONARDO DA VINCI -

NEWS ATTUALITÀ FERRUTENSIL 6 Filiera HVAC: con stop ai bonus perdite del 30% Con il blocco della cessione del credito e dello sconto in fattura che travolge anche l’Ecobonus, il Decreto Legge 11/2023 espone la filiera dell’impiantistica di riscaldamento, climatizzazione e trattamento dell’acqua a danni tanto inaspettati quanto ingenti. Oltre a riferirsi ai lavori non ancora avviati, infatti, lo stop alle agevolazioni ha valore retroattivo, e va a coinvolgere anche gli ordini di merce già ordinata ma non ancora consegnata o installata. L’impatto sulle imprese è stato immediato, con una frenata sugli ordinativi da parte dei clienti e un numero crescente di disdette degli acquisti. L’allarme arriva da Assotermica (associazione produttori apparecchi e componenti per impianti termici), Assoclima (associazione costruttori sistemi di climatizzazione) e Aqua Italia (associazione costruttori trattamenti acque primarie), che prevedono un forte impatto sulla filiera HVAC (heating, ventilation and air conditioning): ordini annullati e perdite ingenti, fino al 30%. Assotermica commenta “Il comparto dei produttori di caldaie è uno dei segmenti di mercato più colpiti dal taglio all’Ecobonus, misura su cui molte società che fanno efficientamento energetico avevano virato confidando nel mantenimento dello sconto in fattura. Nel 2022 sono stati installati 1,1 milioni di apparecchi, nel 2023 ci saranno circa 350.000 unità in meno, con un ritorno ai valori prepandemici. Purtroppo anche gli apparecchi ibridi saranno penalizzati”. Sulla stessa linea le parole di Stefano Bellò, vicepresidente di Assoclima: “Sulla base delle nostre previsioni, il settore delle pompe di calore subirà una riduzione di un terzo del giro d’affari. Trattandosi di interventi edilizi articolati, il mercato tornerà a concentrarsi su riqualificazioni profonde e nuove costruzioni, arrestando un processo virtuoso di decarbonizzazione degli edifici esistenti, che spesso necessita di iter lunghi o complessi, in particolare nei condomini”. Bonus pubblicità 2023, solo per la stampa Dal 1° marzo si può presentare la domanda per il bonus pubblicità 2023, riproposto quest’anno con alcune modifiche rispetto al passato. Innanzitutto, sarà riservato ai soli investimenti sulla stampa, sia cartacea che online, escludendo quindi radio e TV. Inoltre, il credito d’imposta concesso ammonterà al 75% degli investimenti incrementali, ovvero calcolati sull’aumento di spesa del 2023 rispetto al 2022. Le richieste, come di consueto, si presentano dal 1° al 31 marzo 2023, sul portale dell’Agenzia delle Entrate, dove sono disponibili il modello aggiornato e le istruzioni di compilazione. Poi, dal 9 gennaio al 9 febbraio 2024 andrà presentata la “Dichiarazione sostitutiva relativa agli investimenti effettuati”. Il tetto di spesa è pari a 30 milioni di euro: se le domande superano questa cifra, si procede al riparto. E’ probabile che quest’anno, con l’applicabilità più restrittiva che esclude i grandi investimenti in TV e radio e il conteggio sulla differenza incrementale, sia possibile arrivare ad un riparto più sostanzioso: nel 2021 e 2022 la grande richiesta, molto più alta della cifra stanziata, aveva ridotto il bonus a cifre simboliche. Le nostre testate Ferrutensil e Bricomagazine, sia nella versione cartacea che digitale, sono abilitate ad usufruire dell’agevolazione e forniscono su richiesta la dichiarazione da presentare insieme alla dichiarazione degli investimenti effettuati. Concimi, in Italia il costo torna ai livelli pre-guerra Il crollo del prezzo del gas riporta il costo dei concimi tradizionali ai livelli pre-guerra con una riduzione del 40% rispetto al 2022, ma è necessario programmare acquisti ed interventi per evitare difficoltà logistiche che certamente non mancheranno. È quanto afferma CAI – Consorzi Agrari d’Italia alla vigilia di uno dei periodi più importanti dell’anno, che si protrarrà da fine febbraio fino a maggio, in cui è previsto l’uso più intenso di concimi. Il prezzo dell’urea, il fertilizzante più utilizzato, oscilla tra 600 e 650 euro/tonnellata, in linea con i dati dell’autunno 2021, ben distante da quota 1000 euro/ton raggiunta nei primi mesi del conflitto in Ucraina. Il nitrato ammonico, invece, è passato in poche settimane da 900 a 700 euro/tonnellata, mentre i fosfatici si aggirano intorno ai 400 euro/tonnellata, in calo del 25%. Più contenuti, invece, i cali sui prodotti a base di potassio che registrano una lieve oscillazione (-5%). Non sono previsti al momento particolari problemi di forniture. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ Fitt acquisisce Claber: nasce un big globale dell’irrigazione Fitt e Claber, entrambe fondate nel 1969, oltre che l’appartenenza al Nord Est italiano, sinonimo del connubio tra innovazione tecnologica ed eccellenza del made in Italy, condividono un modo di fare impresa che affonda le sue radici nei sistemi valoriali di due famiglie, Mezzalira e Spadotto, che hanno saputo evolvere il paradigma imprenditoriale, affermandosi sul mercato nel rispetto dei valori e del legame con il territorio. Proprio questo comune denominatore ha permesso di trovare una immediata intesa tra le due realtà che ha portato alla firma di un accordo che ha visto l’ingresso di Claber nel Gruppo Fitt. Nel passato sono state molte le occasioni di collaborazione tra le due aziende sulla base di uno scambio di competenze e sinergie di business che hanno preparato il terreno per questa acquisizione, che si fonda sulla volontà di mettere a fattor comune le reciproche conoscenze sia in ambito materiali che IOT, e la scelta di porre la responsabilità sociale al centro del proprio operato per crescere insieme, piuttosto che optare per soluzioni più immediate e meno lungimiranti come vendere a grandi gruppi esteri o delocalizzare la produzione. Claber conta oggi circa 180 dipendenti distribuiti nei 2 siti produttivi e nel Centro Logistico dislocati nella provincia di Pordenone. Nel 2021 ha raggiunto i 39 milioni di euro di fatturato in Italia e in oltre 80 paesi esteri. L’accordo permette a Fitt di potenziare la propria offerta in termini di soluzioni complete per il mondo dell’irrigazione domestica, in grado di associare all’innovazione dei materiali sostenibili, una gestione efficiente e responsabile dell’utilizzo di una risorsa sempre più preziosa quale l’acqua. Con sede centrale a Sandrigo (Vicenza), Fitt genera un fatturato di 304 milioni di euro (2021) ed esporta in 87 paesi, conta 1000 collaboratori, 10 siti produttivi (7 in Italia, 3 in Europa), 13 siti logistici nel mondo e 5 consociate.

NEWS ATTUALITÀ CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI - dac.info@dacsrl.net NUOVISSIMA LINEA COMPLETA CHIMICO PER LA CURA E IL LAVAGGIO DELL’AUTO BE READY. PRONT I ? DAC SRL V.Le j.F. Kennedy 21/a - 46019 Viadana (MN) Tel. +39 0375 820611 - Fax +39 0375 785840 - www.dacsrl.net Risparmio energetico, smart home ancora troppo sottovalutata Il mercato della smart home in Italia ha vissuto un buon 2022, toccando quota 770 milioni di euro per un tasso di crescita di +18% rispetto al 2021. Questa crescita, però, è stata in parte frenata da due fattori, la carenza di semiconduttori e materie prime e l’instabilità economica e politica conseguente alla guerra in Ucraina. Il tasso di crescita avrebbe potuto essere del +33% rispetto al 2021. A trainare le vendite, i prodotti per riscaldamento/climatizzazione – caldaie, termostati, valvole termostatiche e condizionatori connessi (20% del mercato, +41%), che hanno beneficiato degli effetti degli incentivi come Superbonus ed Ecobonus. Di fatto, i rincari del costo dell’energia, in aggiunta a incentivi e bonus, hanno portato i consumatori a concentrarsi sulla riduzione dei propri consumi, ricorrendo in parte anche alle tecnologie smart per la casa. Il 91% dei consumatori dichiara di essere “molto” (47%) o “abbastanza” (44%) attento a risparmiare energia all’interno della propria abitazione ma il legame tra “risparmio energetico” e “smart home” non è così diretto per i consumatori. È solo il 17% che sfrutta gli oggetti smart per il monitoraggio dei consumi in tempo reale e l’11% per la gestione del riscaldamento/raffrescamento tramite scenari. Tuttavia, guardando al futuro, tra coloro che intendono acquistare dispositivi smart nei prossimi 3 anni, ben il 39% (+20% vs 2021) è interessato a prodotti per il risparmio energetico e il 24% (+2% vs 2021) a servizi per l’analisi in tempo reale dei consumi energetici. Gli smart speaker (18% del mercato) hanno subito un rallentamento nel trend di crescita delle vendite (+5%), in quanto sempre più abitazioni sono dotate di uno o più speaker ma, ad esempio in Italia, solo il 17% li utilizza per gestire altri oggetti in casa. Fonte: Osservatorio Internet of Things, School of Management Politecnico di Milano. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ Gruppo Ferca, Perinelli Forniture Industriali completa il rebranding Il gruppo di rivenditori del settore ferramenta – che oggi conta oltre 50 soci con oltre 70 negozi in tutta Italia - continua con l’attuazione del rebranding inedito e molto innovativo tra i suoi associati. “In Ferca abbiamo superato il 30% di nostri negozi che hanno completato la prima fase di rebranding, inserendo a fianco della loro insegna proprietaria il logo del gruppo – sottolinea Roberto Graziola, direttore del gruppo –. Oggi abbiamo ultimato il rebranding nell’azienda Perinelli Forniture Industriali di Peschiera del Garda (Vr), altamente professionale, ottenendo un risultato molto accattivante perché si tratta di un associato forte su più fronti: outdoor, utensileria ed anche canale ecommerce (che ha raggiunto l’anno scorso un +80%) con un visual personalizzato nel loro core-business specialistico. Il nostro è un progetto di evoluzione e di rebranding che si adatta con grande flessibilità e personalizzazione all’identità di ciascuno per essere realmente al fianco di ogni socio. Intendiamo fornire uno standard di immagine alto, innovativo e riconoscibile, all’interno e all’esterno del negozio, adattato all’identità del negozio associato. E Perinelli rappresenta l’esempio classico di questo percorso”. Il progetto ha coinvolto l’esterno della azienda con vetrofanie e l’immagine corporate aziendale e la comunicazione dei volantini promo. In programma Perinelli ha altre iniziative: cambiamenti a livello negozio, arredamento e disposizione scaffalature e sviluppo del reparto ecommerce. ANIE, bonus edilizi: proposte di aiuto alle imprese senza squilibri per finanze dello Stato «Se guardiamo alle filiere delle rinnovabili, dei componenti e sistemi per gli impianti e degli ascensori, possiamo dire che il sistema delle detrazioni ha avuto per ANIE effettivamente una dinamica propulsiva sul mercato. Installare tecnologie innovative capaci di generare saving termici ed energetici come un semplice termostato intelligente regolabile da remoto, con un bonus del 65% dal nostro punto di vista ha effetti positivi, e l’attuale scelta del governo rischia di fermarlo. Faremo delle proposte sia sul fronte dei cosiddetti bonus casa ed ecobonus, sia sul fronte della possibilità della cessione del credito e sconto in fattura che si sono dimostrati degli utili strumenti. Se storture ci sono state, com’è risultato evidente, la chiave di lettura dovrebbe essere un maggior rigore nei controlli, non certo nella rinuncia a un boosting importante di mercato», ha dichiarato Filippo Girardi, presidente di ANIE Federazione. FERRUTENSIL 10 Partnership societaria tra Machieraldo e Piellebi Si è concretizzato l’accordo dell’ingresso in società di Machieraldo Spa in Piellebi Srl la cui formalizzazione avverrà nei prossimi mesi. Le famiglie Bovone e Machieraldo hanno trovato molte similitudini personali e lavorative, si è deciso di continuare questo percorso di successo insieme per rafforzare le proprie posizioni. Machieraldo Spa, azienda storica e conosciuta sul territorio nazionale, opera nel settore delle rivendite di ferramenta, specialisti della sicurezza, magazzini edili, agricole, casalinghi nelle regioni del Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia e Triveneto. Piellebi Srl opera nel settore delle rivendite di ferramenta e casalinghi nel territorio del Triveneto, è un grossista specializzato nei prodotti per la casa, pulizia, forniture alberghiere. Si tratta di una operazione strategica a livello commerciale: Machieraldo cercava da tempo un appoggio “fisico” nel Triveneto e Piellebi voleva implementare la sua offerta commerciale. Verrà potenziato l’attuale assortimento di Piellebi con ulteriori prodotti casalinghi ed in un prossimo futuro anche con la gamma di ferramenta e sicurezza attualmente trattata da Machieraldo. Ciò permetterà di aumentare notevolmente l’offerta e la penetrazione nei clienti del Triveneto delle aziende citate. Entrambe le società continueranno ad effettuare in completa autonomia vendite ed acquisti, da ora in sinergia. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ Negozio ferramenta phygital, su quali driver spingere per crescere? La diffusione del commercio elettronico in ferramenta prosegue in trend positivo e oggi, secondo i dati di OPMF, l’Osservatorio Permanente Multicanalità in Ferramenta, un negozio ferramenta su 3 vende anche online. L’ibridazione diventa un attivatore di nuove modalità di interazione e di vendita, rinnovando la filiera distributiva e stimolando la nascita di nuovi servizi, tecnici e finanziari. Ma quali sono i driver su cui spingere per crescere nel canale phygital in ferramenta? Lo sviluppo di una piattaforma ecommerce di prossimità è uno dei principali. Da sempre la prossimità è una caratteristica valorizzante del negozio ferramenta italiano. Questo aspetto è trasferibile anche online, mantenendo la propria identità commerciale e il rapporto di fiducia costruito negli anni e coinvolgendo la propria clientela nelle nuove strategie multicanali. Tra i vantaggi dell’ecommerce di prossimità resta innanzitutto il rapporto umano, che nonostante la semplicità della transazione può non venire meno, unitamente alla tutela della sicurezza delle transazioni stesse, alla possibilità di accorciare le tempistiche in negozio, limitate al ritiro del prodotto o dell’ordine, ma anche di testare con mano il prodotto prima di procedere all’acquisto. Una piattaforma online in ferramenta non è solo uno strumento di vendita, ma anche un compendio di informazioni, tecniche ed estremamente aggiornate, sul singolo prodotto (e sugli articoli correlati) a disposizione sia del collaboratore dedicato al banco in negozio sia del cliente per scelte più consapevoli. E’ necessario ridisegnare il modello fisico creando nuovi format innovativi che possano rispondere alle richieste del bacino territoriale, allargando offerta e visibilità con strategie drive to store, sfruttando le potenzialità aumentate tipiche dell’universo digitale, come lo scaffale infinito, l’intelligenza artificiale e realtà aumentata e la relazione digitale h24 garantita da una chatbot. Acciaio: all’Italia mancano 6,2 milioni di tonnellate di coils Negli ultimi 10 anni, il deficit commerciale italiano di prodotti laminati piani è sensibilmente aumentato: è passato dai 2,8 milioni di tonnellate del 2010 ai quasi 7,2 milioni di tonnellate del 2022. Di questo, una quota di circa l’85% è rappresentata dai coils (circa 6,2 milioni di tonnellate). Lo ha illustrato l’Ufficio Studi Siderweb nel corso del recente webinar Mercato & Dintorni, focalizzato sui prodotti piani. Critica la situazione anche per banda e lamiere stagnate e cromate e lamierini magnetici. Il saldo commerciale è negativo per circa 1,2 milioni di tonnellate ed è aumentato negli ultimi anni. La produzione è al minimo, circa 300mila tonnellate, ma soprattutto il lamierino magnetico sarà il prodotto del futuro, con l’espansione del mercato dell’elettrico. La produzione nazionale di lamiere a caldo e larghi piatti, di lamiere zincate e di lamiere a rivestimento organico, invece, consente di soddisfare la domanda interna e di esportare. Quanto alla domanda di prodotti piani, secondo Siderweb ancora per qualche mese sarà relativamente fiacca; sarà più tonica nella seconda parte dell’anno, quando potrà esserci il ribaltamento dei costi sui prezzi finali, con una minore compressione dei margini che potrà dare respiro ai necessari investimenti sulla decarbonizzazione. Sul versante dei prezzi, le quotazioni dei coils a livello internazionale sono in crescita; tuttavia, la durata di questa ripresa rimane incerta. Alla fine del 2022 il prezzo ha sfiorato i 600 euro la tonnellata in Italia. Da allora c’è stato un rimbalzo e i prezzi sono tuttora in crescita, ma ci si domanda quanto durerà ancora questo movimento. FERRUTENSIL 12 Thierry Garnier è il nuovo presidente Edra/Ghin Thierry Garnier, Ad della multinazionale inglese Kingfisher, è stato eletto nuovo presidente delle società Edra e Ghin (rispettivamente ‘associazione della distribuzione europea di fai da te’ la prima, e ‘network globale del settore home improvement’ la seconda). Erwin van Osta, proprietario e Ad dell’insegna belga Hubo, rivestirà invece la carica di vicepresidente del board. Thierry Garnier assume la presidenza di Edra/Ghin al posto di Sergio Giroldi, dopo che il noto manager italiano, per quasi 20 anni alla direzione di Obi, è andato in pensione. Garnier, entrato in Kingfisher nel settembre 2019 è figura esperta di retailing internazionale, avendo svolto per 20 anni mansioni di alto livello all’interno di Carrefour. Durante gli anni alla direzione di Kingfisher, Garnier ha guidato l’evoluzione del Gruppo verso l’omnicanalità.

NEWS ATTUALITÀ Bonus edilizi, cancellati sconto in fattura e cessione del credito. La lettera di Unicmi al Governo Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DL 16 febbraio 2023, n. 11 Misure urgenti in materia di cessione dei crediti di cui all’articolo 121 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, convertito, con modificazioni, dalla legge 17 luglio 2020, n. 77, Unicmi - Unione Nazionale delle Industrie delle Costruzioni Metalliche dell'Involucro e dei serramenti - ha immediatamente inviato una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Meloni, al Ministro dell’Economia e Finanze Giorgetti e al Ministro dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica Pichetto Fratin in cui sottolinea le drammatiche conseguenze che porterà il DL approvato dal Governo il 16 gennaio. Ha evidenziato come l’Ufficio Studi Unicmi preveda che l’abolizione immediata delle opzioni di sconto in fattura e delle cessioni dei crediti produrrà, solo per il 2023, un calo fra il 30% e il 40% degli interventi di riqualificazione energetica (Ecobonus) e di ristrutturazione edile (Bonus-casa) e conseguentemente dei fatturati delle imprese produttrici di serramenti e della tenuta occupazionale. Unicmi ha chiesto al Governo di mantenere la possibilità di attuare lo sconto in fattura per l’Ecobonus e per il Bonus Casa fino al 31 dicembre 2023 attraverso una modifica al Decreto in sede di conversione in Legge. Parallelamente Unicmi attuerà una fortissima azione di sensibilizzazione sui Presidenti e sui Membri delle Commissioni Finanze, Bilancio, Ambiente del primo ramo del Parlamento al quale sarà assegnato il DL per la conversione in Legge. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Acciaio: nel 2023 prevista crescita dei settori utilizzatori. Costruzioni a +2% Arretreranno leggermente macchine e apparecchi meccanici e prodotti in metallo, mentre le costruzioni saliranno del 2,5%. Ma l’Italia sconta ancora un gap rispetto all’UE, che ha avuto origine nel periodo 2011-14. L’acciaio ha di fronte un primo semestre 2023 di rallentamento rispetto al 2022; la seconda parte dell’anno, invece, dovrebbe chiudersi con il segno “più”. Nel complesso, l’attività dei settori utilizzatori è attesa in salita quest’anno dell’1%. Nel dettaglio, dovrebbero arretrare leggermente macchine e apparecchi meccanici (-0,4%) e prodotti in metallo (-0,2%). È quanto ha previsto l’Ufficio Studi Siderweb, nell’analisi che ha aperto il webinar “Acciaio: i clienti protagonisti” svoltosi in febbraio. Dopo il calo del 18,4% del 2020, in Italia il consumo di acciaio ha registrato un incremento di circa il 30% nel 2021, superando il livello pre-Covid. Tuttavia, rimane rilevante (-22,5%) lo scostamento negativo rispetto al tetto di oltre 33 milioni di tonnellate raggiunto prima della grande crisi economico-finanziaria del 2008. Inoltre, negli altri Paesi dell’UE la riduzione del consumo di acciaio causato dalla pandemia e la successiva ripresa sono state meno forti rispetto all’Italia. Anche il gap nei confronti del livello precrisi economico-finanziario del 2008 risulta molto più ridotto (-13,8%). Facendo un passo indietro, il quarto trimestre del 2022 è stato il migliore dell’anno con un incremento degli ordini pari al 5,4% sul mercato interno e al 2,4% su quello estero, in entrambi i casi rispetto allo stesso trimestre del 2021. Spagna: fatturato 2022 brico e ferramenta +10,6% La distribuzione brico e ferramenta in Spagna chiude il 2022 con una crescita del fatturato del 10,6%. A confermarlo Aecoc, l’Associazione spagnola multisettoriale dei distributori e dei produttori, nel suo ultimo Barometro sul settore ferramenta e bricolage. Nel dettaglio, i distributori specializzati hanno registrato un aumento del fatturato dell’11,5%, mentre gli operatori tradizionali del 5,9%. Dal terzo trimestre del 2020, periodo in cui è venuta meno la chiusura forzata delle attività a causa della pandemia, il settore ha infatti registrato una crescita quasi a due cifre ogni trimestre. Ad ogni modo, la situazione non sembra così rosea, l’aumento dei costi e il contenimento dei consumi fa sorgere dubbi circa l’evoluzione del settore. FERRUTENSIL 14 NEWS ATTUALITÀ Mercato ferramenta: 2022 a oltre 11 miliardi Durante il convegno di Myplant & Garden, Ivano Garavaglia, Head of Retail di GfK, ha diffuso i dati del mercato ferramenta del 2022, quantificando le vendite in €11,3 miliardi. Il canale, considerato insieme ai centri fai da te, ha infatti performato molto bene, ottenendo una crescita del 6% sul 2021. Tornando al solo canale ferramenta, il settore della ristrutturazione, che pesa per il 14,6%, risulta fortemente in crescita (+14%), per un fatturato di più di €1,5 miliardi. Il comparto giardinaggio, invece, rappresenta il 3%, per oltre €300 milioni di fatturato generato. Nonostante rappresenti una quota marginale ha vissuto una crescita importante, pari al +4,8%. Entrando nello specifico del giardinaggio, il segmento che pesa maggiormente (49,1%) è quello degli utensili elettrici e a motore termico, che però è rimasto stabile rispetto al 2021. A seguire l’irrigazione/pulizia del giardino (21,8%), in crescita dell’8% vs 2021, e gli accessori giardino (9,5%), in crescita del 9% vs 2021. Interessante notare che il comparto recinzioni, che pesa solo il 5,4%, ha ottenuto l’incremento maggiore, pari a +38% sul 2021. Diversamente, il segmento costruzioni giardino, che rappresenta il 7,2%, risulta l’unico in flessione, con un calo significativo del 25%. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

NEWS ATTUALITÀ FERRUTENSIL 16 Ipermat di UPL Group entra in Gruppo Made Un nuovo ingresso nella rete di Gruppo Made con la rivendita di materiali edili di Cirò Marina (KR). E’ Ipermat di UPL Group, condotta dai titolari Umberto e Pierluigi Russo, la terza generazione della famiglia di rivenditori di materiali edili. Il punto vendita vanta una struttura articolata: uno showroom di porte, un centro colore e interi settori dedicati a materiale elettrico civile e industriale, illuminotecnica, un’area riservata alla ferramenta, materiali di edilizia pesante e leggera, da sempre il vero core business aziendale. L’evoluzione del mercato, che ha come protagonista la ristrutturazione e la presenza sempre maggiore dei clienti privati nel target del punto vendita, la necessità di rimanere al passo con le più moderne tecnologie costruttive, la volontà di confrontarsi con altri colleghi a livello nazionale hanno spinto Ipermat a entrare a far parte di Gruppo Made. Fra le attività recentemente sviluppate, lo studio di progettazione interno con una persona dedicata, il progetto di uno showroom finiture e l’inizio dell’attività formativa per titolari e collaboratori a tutti i livelli che Gruppo Made fornisce a tutti i suoi aderenti, insieme agli altri servizi pensati e realizzati per le rivendite del Gruppo. In febbraio ripresa delle intenzioni di acquisto, trend a +12,1% Secondo l’Osservatorio mensile Findomestic la propensione all’acquisto degli italiani è in crescita per il secondo mese consecutivo. L’inflazione continua a essere la principale preoccupazione, ma la paura di un allargamento del conflitto Russia-Ucraina è quella cresciuta di più nell’ultimo periodo. “Il tragico conflitto in Ucraina iniziato un anno fa – dichiara Gilles Zeitoun, ad e direttore generale Findomestic– ha avuto un forte impatto anche sulla propensione al consumo degli italiani. Dopo il difficile secondo semestre ’22 segnato da crisi energetica e inflazione, i primi mesi del nuovo anno evidenziano, tuttavia, un’inversione di tendenza con le famiglie che tornano a progettare acquisti importanti per il futuro anche se, complici i prezzi ancora elevati, solo il 29% degli italiani pensa che quello attuale sia un buon momento per comprare”. Per quanto riguarda la casa resta alto il desiderio di migliorare la propria abitazione. L’innalzamento del tetto del “Bonus mobili 2023” ha dato un nuovo impulso all’intenzione di comprare mobili (+7%). Cresce anche la propensione a ristrutturare casa (+6%). La crescente attenzione verso l’efficientamento dei consumi stimola la propensione al consumo per i beni del comparto dell’efficienza energetica che risultano essere tutti in positivo: isolamento termico (+1,2%), impianti fotovoltaici o solari termici (+3,6%), caldaie a condensazione e biomassa (+6,9%), infissi e serramenti (+10%) e le pompe di calore (+22,6%). In forte rialzo elettrodomestici grandi (+15,3%) e piccoli (+10,1%), entrambi ai livelli più alti dell’ultimo anno, ma anche l’elettronica di consumo: +6,7% per TV e Hi-Fi. Marefix entra a far parte di G&B Group Grandi novità in casa G&B Fissaggi. Marefix SL, affermata azienda spagnola di Logroño specializzata nel comparto della viteria, è entrata a far parte del Gruppo G&B. La competenza e l’esperienza di G&B Fissaggi, produttore di fissaggio da oltre 40 anni, oggi può avvalersi anche della tecnica e del know-how di una realtà produttiva importante del settore viteria. Questo permetterà al Gruppo G&B di offrire ai propri clienti un servizio ancora più completo e un catalogo ancora più ampio. I prodotti a marchio Marefix by G&B Group fanno parte di una linea completa di viteria e accessori di alta qualità e ampia versatilità per applicazioni su acciaio-alluminio, legno e cartongesso per i settori ferramenta ed edilizia. Tutti i dettagli e le specifiche saranno disponibili a breve nel nuovo catalogo 2023 nella sezione Viti Geto-Fix. Il Gruppo G&B cresce ancora per consolidare e sviluppare nuove opportunità di mercato, mantenendo al contempo i valori, l’affidabilità e la flessibilità che contraddistinguono la sua storia. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

LA LINEA DI ABRASIVI PROFESSIONALE DEDICATA ALLE APPLICAZIONI SU ACCIAIO INOX. www.grinding.it Grinding Abrasivi Grinding Abrasivi Grinding_Abrasivi

NEWS ATTUALITÀ Azzeramento cessione del credito e sconto in fattura: la preoccupazione di Assofermet Ferramenta L’Associazione della distribuzione ferramenta esprime preoccupazione in merito alla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto-legge n. 11 del 16.02.23, che prevede la sospensione immediata della cessione dei crediti fiscali e all’applicazione dello sconto in fattura legati ai bonus edilizi. “L’inaspettata introduzione del nuovo provvedimento, che cambia radicalmente, e in così poco tempo, la struttura dei bonus edilizi rappresenta un grave pericolo che mette a rischio gli impegni assunti e il lavoro svolto da tutto il comparto delle aziende che operano all’ingrosso e al dettaglio nel settore della ferramenta – sottolinea Sabrina Canese, presidente Assofermet Ferramenta. “Chiediamo un immediato confronto con il Governo affinché, in sede di conversione, vengano introdotti correttivi che possano tutelare le aziende della filiera con i suoi numerosi posti di lavoro a rischio, evitando di bloccare definitivamente un settore che in questi anni ha sostenuto l’intera economia italiana, tra cui il settore delle vendite dei grossisti e dettaglianti tutti di ferramenta, la cui attività in numerosi casi contempla la vendita di materie prime, prodotti, componenti e beni per l’edilizia”. FERRUTENSIL 18 Eternedile entra in Trentino-Alto Adige Eternedile, azienda modenese attiva nella distribuzione di materiali e finiture per il mercato delle costruzioni, si espande e arriva, per la prima volta, nella regione Trentino-Alto Adige. A partire dal 1° marzo, entrano cioè nel network Eternedile i punti vendita e showroom di Carini Edilizia Srl di Arco (Tn) e di Rovereto (Tn). Carini Edilizia è un’azienda nata nel 1997, specializzata nella vendita di materiali di edilizia per interni ed esterni nonchè di eco tecnologie per la realizzazione di pavimentazioni esterne ecosostenibili. Con i due punti vendita di Carini, salgono a 58 i negozi complessivi del network Eternedile in Italia, mentre diventano 9 le regioni in cui il distributore edile è presente: Lombardia, Piemonte, Liguria, Emilia-Romagna, Toscana, Marche, Abruzzo, Trentino-Alto Adige, Umbria. Oltre ai 58 punti vendita, Eternedile conta 18 showroom per arredo bagno e finiture, 6 reparti di prodotti idrotermosanitari, 5 impianti per la lavorazione del ferro, 1 stabilimento per la produzione di prefabbricati e solai. Confesercenti: nel 2022 crollano le aperture di nuovi negozi Nel 2022 sono nate solo 22.608 nuove attività commerciali, il 20,3% in meno del 2021. Un numero del tutto insufficiente a compensare le oltre 43mila imprese che hanno abbassato per sempre la saracinesca, e che fa chiudere l’anno con un bilancio negativo per oltre 20mila unità, per una media di oltre due negozi spariti ogni ora. È quanto emerge dalle elaborazioni condotte da Confesercenti sui dati resi disponibili dalle fonti camerali. Mentre il numero di chiusure è in linea con quello rilevato negli anni prepandemia, il dato delle aperture del 2022 è il più basso degli ultimi dieci anni, inferiore del -47,9% non solo al valore del 2012 – quando, nonostante la crisi, avevano aperto oltre 43mila attività del commercio – ma anche rispetto al 2020, anno del Covid e del lockdown, che comunque aveva registrato l’arrivo sul mercato di oltre 25mila imprese del commercio; nel 2019, le aperture erano state 29mila. Il calo delle nuove aperture è rilevante soprattutto in Sardegna (-33,2% rispetto al 2021), Piemonte (-29,3%) e Umbria (-27,3%). A registrare i saldi peggiori sono le regioni con un tessuto commerciale più sviluppato. In termini assoluti, a registrare la perdita più rilevante è la Campania, con un saldo negativo di -2.707 negozi; seguono, a stretta distanza, il Lazio (-2.215) e la Sicilia (-2.142). Perdite rilevanti anche in Lombardia (-2.123), Piemonte (-1.683), Toscana (-1.479), ed Emilia-Romagna (-1.253). In termini relativi, però, la perdita peggiore è quella registrata dalle Marche, dove il calo percentuale delle imprese del commercio attive, rispetto al 2021, è del -8,8%: quasi una su dieci. Seguono Friuli-Venezia Giulia (-4,7%) e Molise (-4,4%). SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

Interni Tappeti Coprisedili Esterni Elettrici Lampadine Garage Portaggio Ruote Tergicristallo Car care LAMPA S.p.A. - Viadana (MN) - 0375/820700 - info@lampa.it www.lampa.it LA PIÙ AMPIA GAMMA DI ACCESSORI AUTO, CAMION, CAMPER, MOTO, CICLO...

NEWS ATTUALITÀ FERRUTENSIL 20 Ace Hardware, +50% nell’ultimo triennio Ace Hardware, la più grande cooperativa al mondo di negozi di ferramenta e fai da te (5.700 negozi in 65 paesi), ha chiuso il 2022 con un risultato record che suggella un triennio storico per l’insegna: vendite a quota 9,2 miliardi di dollari in crescita del 6,7% su un già straordinario 2021 (+10,7%) e dopo il clamoroso exploit nel 2020 (+27%). Complessivamente dal 2019 il fatturato ha fatto segnare un incredibile +50%. L’utile netto per l’anno fiscale 2022 è stato di 340,6 milioni di dollari, con un aumento di 10,6 milioni di dollari rispetto all’anno fiscale 2021. Per l’intero anno, le vendite al dettaglio a parità di negozi sono aumentate del 2,2%, ma le transazioni sono diminuite del 4,7%. I settori maggiormente in crescita sono stati quelli delle apparecchiature elettriche per esterni, degli impianti idraulici e delle vernici. Ace Hardware ha aperto 168 nuovi negozi negli USA nell’anno fiscale 2022 e ha chiuso 52 negozi. Ciò ha portato il numero totale di negozi nazionali della società a 4.867 alla fine dell’anno fiscale 2022, con un aumento di 116 negozi rispetto alla fine dell’anno fiscale 2021. Su base mondiale, Ace ha aggiunto 232 negozi e ne ha cancellati 69, portando il numero mondiale di negozi a 5.746. AgriEuro raddoppia la propria piattaforma logistica AgriEuro, ecommerce specializzato nella vendita di macchine per l’agricoltura e il giardinaggio, ha siglato un nuovo accordo di collaborazione con Fercam, storico partner del brand, per il raddoppio dell’attuale sede logistica di Piacenza. Inaugurata nel 2021, è destinata allo stoccaggio della merce di piccola e media taglia in catalogo (0-80 kg). Con i lavori di allargamento del sito distributivo (che si concluderà a metà 2023) l’attuale piattaforma si amplia di 12.500 mq, per una capienza di 14.000 posti pallet in più. La struttura si aggiunge ai centri logistici di Bologna Interporto e Novara (a gestione Fercam per AgriEuro) e al magazzino di Spoleto, in provincia di Perugia, a gestione diretta AgriEuro. La nuova area logistica ospiterà una seconda linea di imballaggio semiautomatica, similare a quella in uso nella sede di Piacenza ad oggi operativa, ma specifica per prodotti di piccola e media taglia da 0 a 40 kg: “All’interno della piattaforma distributiva aggiuntiva verranno gradualmente trasferiti tutti i prodotti di piccola e media taglia con peso fino a 40 kg, mentre nella sede attualmente attiva rimarranno gli articoli da 40 fino a 80 kg. – racconta Roberta Melis, business process manager AgriEuro –. Frazionando il processo in due specifiche sottocategorie con relative modalità di imballaggio verrà ottimizzata l’intera supply chain del centro logistico”. Il raddoppio degli spazi, insieme alle caratteristiche di produzione del nuovo sistema di imballaggio, consentiranno ad AgriEuro sia di raddoppiare il numero di prodotti evasi, sia di allestire oltre il triplo delle spedizioni attualmente gestite dal singolo polo, se non addirittura di quadruplicarle entro il 2024. Confermato il bonus sicurezza 2023. Cos’è e come funziona? Quando si parla di bonus sicurezza, si fa riferimento alla detrazione fiscale del 50% sull’IRPEF per i costi sostenuti da chi esegue lavori volti a garantire la sicurezza di un’abitazione. Le spese a cui applicare lo sgravio fiscale devono essere sostenute entro il 31 dicembre 2023. I costi riguardano l’installazione di allarmi, recinzioni, antifurti, videocitofoni e altre apparecchiature di sicurezza. La detrazione spettante pari al 50% dei costi sostenuti, è ripartita in 10 rate annuali di pari importo. Il limite massimo di spesa su cui applicare la detrazione corrisponde a 96.000 euro. Lo scopo degli interventi sull’immobile deve essere quello di prevenire il rischio di atti illeciti da parte di terze parti. Nello specifico si fa riferimento a aggressione, furto, sequestro di persona e reati che ledono i diritti giuridicamente protetti. Ecco le spese di messa in sicurezza per le quali è possibile beneficiare della detrazione del 50%: rafforzamento, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie degli edifici; apposizione di grate sulle finestre o loro sostituzione; porte blindate o rinforzate; apposizione o sostituzione di serrature, lucchetti, catenacci, spioncini installazione di rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti; apposizione di saracinesche; tapparelle metalliche con bloccaggi; vetri antisfondamento; casseforti a muro; fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati; apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline. La detrazione è applicabile esclusivamente alle spese sostenute per interventi sugli immobili. Questo significa che il contratto stipulato con un istituto di vigilanza non rientra nel bonus sicurezza 2023. SU FERRUTENSIL.COM TUTTI GLI AGGIORNAMENTI IN TEMPO REALE

LAME BIMETALLICHE PER SEGHETTO ALTERNATIVO UNIQUE™ FINITURA PERFETTA SU ENTRAMBI I LATI! Le lame per seghetto alternativo Starrett Uni昀ed Shank™ includono l’esclusiva tecnologia Bi-Metal Unique™ di Starrett. Le lame realizzate con questo processo sono resistenti alla rottura, tagliano più rapidamente e durano più a lungo rispetto alle seghe convenzionali. I seghetti alternativi Uni昀ed Shank™ sono disponibili in confezioni doppie per una gamma limitata, confezioni di cinque lame e in vari assortimenti. Le nostre lame per seghetti alternativi durano il 25% più a lungo* Più resistenti con il 170% in più di Contatto di saldatura Tagli più veloci, più uniformi e più Precisi** • I due nuovi modelli di sega per legno con denti in entrambe le direzioni offrono un taglio senza sbavature su entrambi i lati. • La tecnologia della sega Bi-Metal Unique offre il 170% in più di resistenza alla rottura dei denti, una durata maggiore e un costo per taglio inferiore rispetto ad altre tecniche di fabbricazione della lama. • Indistruttibili*** Venite a trovarci alla Fiera Internazionale del Ferramenta 5 - 6 Maggio 2023 | Italy, Milan Bergamo VI ASPETTIAMO AL NOSTRO STAND NR. A18 - B17 (HALL A) CERCA ULTERIORI INFORMAZIONI * In media rispetto alle lame bimetalliche esistenti. ** Con le nostre tecnologie Multi Edge Performance e Split Chip Advantage. *** Nel corso del normale utilizzo. Se siete interessati nel ricevere ulteriori informazioni su questi prodotti, vi invitiamo a contattare il nostro Responsabile Vendite Italia al seguente email: fconti@starrett.it web: www.starrett.it | sales: fconti@starrett.it | Tel: +39 339 1205544 BU2DC - Scroll & Curved Cuts BU3DC - Straight & Curved Cuts

MILWAUKEE PACKOUT™ RIVOLUZIONA IL MODO DI TRASPORTARE E CONSERVARE GLI UTENSILI Con più di cento configurazioni diverse, Packout™ è la soluzione più adatta al trasporto e allo stoccaggio degli utensili grazie alla completa modularità e alla totale personalizzazione degli articoli in gamma. Milwaukee® nel 2017 ha lanciato i primi contenitori della gamma Packout™, creando una linea dedicata ai sistemi di archiviazione che oggi vanta più di sessanta articoli per il trasporto e lo stoccaggio degli utensili. Il sistema Packout™ è stato sviluppato per soddisfare le esigenze dei professionisti di diversi settori, dall’edilizia all’automotive, in cerca di soluzioni efficaci per trasportare e conservare al meglio gli utensili da lavoro e organizzare in modo ottimale la minuteria. L’elemento di innovazione che accomuna tutti i prodotti in gamma è l’universale modularità che consente di connettere tra di loro contenitori, cassettiere, organizer, borse e altre soluzioni contenitive in molteplici configurazioni grazie al sistema a rapido sbloccaggio. È, quindi, possibile personalizzare assortimenti diversi a seconda delle esigenze di ciascun utilizzatore disponendo in verticale quanti più articoli possibili. Ma non è solo l'aspetto funzionale del sistema Packout™ a renderlo un prodotto di punta. Milwaukee® ha investito molto anche sulla qualità, rendendo i suoi contenitori adatti alle condizioni di lavoro più difficili. I prodotti rigidi Packout™ sono realizzati in polimeri termoplastici ad alta resistenza e sono dotati di un grado di protezione IP65 contro detriti e polveri. Inoltre, il design robusto gli consente di mantenere eleDALLE AZIENDE FERRUTENSIL 22 it.milwaukeetool.eu

vate capacità di carico per il trasporto degli utensili più pesanti. Le basi di appoggio come il trolley e il cassone portautensili garantiscono un comodo trasporto e la massima tenuta sui terreni più difficili grazie alle maniglie estendibili e al diametro delle ruote. La gamma di cassettiere e cassette portautensili è dotata di barre laterali in alluminio e serrature metalliche per conferire la massima protezione e una maggiore durabilità. Gli organizer sono provvisti di scomparti interni per evitare dispersioni accidentali. Le borse morbide, invece, sono realizzate in nylon balistico 1680D, che grazie ad una trama estremamente densa è in grado di aumentare la resistenza allo strappo. Milwaukee® ha sviluppato anche una vasta gamma di accessori Packout™; divisori, vassoi e vaschette sono soluzioni indispensabili per ottimizzare lo spazio all’interno di ciascun contenitore. Inoltre, i termoformati in schiuma ad alta densità offrono la possibilità di organizzare gli utensili manuali all’interno delle cassettiere portautensili. n FERRUTENSIL 23 L’innovazione del sistema Packout™ non si limita ad offrire una soluzione di archiviazione mobile con il trasporto manuale dei contenitori sul luogo di lavoro, ma riesce a soddisfare anche il bisogno degli utilizzatori interessati ad organizzare al meglio la propria officina con una linea dedicata allo stoccaggio statico. A inizio 2023 è stata lanciata la linea Packout™ Sistema a parete, con la quale Milwaukee® aggiunge venti nuovi articoli in gamma per garantire gli stessi vantaggi del sistema Packout™ anche negli spazi al chiuso. Versatile, personalizzabile e modulare, il nuovo Sistema a parete permette ad ogni utilizzatore di sfruttare al massimo la propria officina di lavoro, efficientando gli spazi e aumentando la produttività. Sono disponibili accessori quali ganci, scaffali, mensole e cestini che basterà agganciare alle piastre di stoccaggio montate sulla parete per ottenere un allestimento funzionale e adatto all’archiviazione degli attrezzi da lavoro. PACKOUT™ SISTEMA A PARETE DALLE AZIENDE

RkJQdWJsaXNoZXIy Mzg5ODQy